MSGM autunno-inverno 2022-2023

Voglia di evasione? Non c’è niente come la moda per immaginare mondi migliori. O, almeno, per sognarli. Ed è quello che fa Massimo Giorgetti con l’autunno-inverno 2022-2023 di MSGM da quando, qualche settimana fa, è stato scoperto un nuovo corpo celeste che, secondo gli astronomi, emetterebbe impulsi luminosi di diversi colori. Un evento che si è trasformato in un’ossessione e in uno spunto di riflessione per interrogarsi sul valore della scoperta e, perché no, sul cambiamento che genera. Nel caso specifico, il viaggio nello spazio si concretizza, invece, all’interno del nuovo headquarter milanese, svelato durante il menswear, dove il designer sfila fisicamente, per la prima volta, con un womenswear composto da cappotti e completi sartoriali ricamati o intarsiati di stelle, le stesse che vengono intagliate su felpe, camicie e abiti sottoveste in paillette luminose di cui, talvolta, rimangono solo reti di cristalli abbaglianti, tute stampate di galassie e jeans con i tasconi luminescenti come i giubbotti croppati. Pochissimi gli accessori, tra i quali spiccano cuissard in vernice con la suola in gomma a contrasto. “Astrophilia”, come il titolo della collezione, senza particolari messaggi. Non è questa la stagione, per molti motivi. Bagliori nel buio dal quale si spera presto di uscire. Significativa, in questo senso, è la presenza del colore, tratto identitario del marchio, esclusivamente verso il finale, Rimane la speranza di arrivare a scoprire orizzonti ancora inesplorati che suggeriscano nuove possibilità di sperimentazione, anche creative, considerando il nuovo corso intrapreso. E, magari, un po’ di spensieratezza.

Daniele S.

Back to top