Courrèges autunno-inverno 2022-2023 + pre-fall 2022

Cos’è necessario per decretare il successo di un brand? O (ri)costruirne la fama? Creare una community. Nominato direttore creativo nel settembre 2020 e soddisfatto del riscontro positivo delle stagioni precedenti, il suo debutto risale al marzo 2021, Nicolas Di Felice per l’autunno-inverno 2022 per lui (e la pre-fall 2022 per lei) di Courrèges, presentato digitalmente, a causa dell’emergenza sanitaria, pensa a un Courrèges Club nel quale una crew di “family and friends” è accomunata da un’estetica che è propria delle nuove generazioni se si trovassero, si spera al più presto, ad alternarsi su un “white carpet” prima di entrare a quello che sembrerebbe un rave party illegale. Nascosto, magari, dietro quel muro di mattoni graffitato, abbandonato in qualche luogo non ben definito, che, a contrasto, fa da sfondo a una passerella immacolata. Dal video e dal conseguente lookbook emerge indubbiamente che menswear e womenswear si confondono su capi che diventano interscambiabili tra i quali non può mancare giubbotti in pelle e bomber in satin dal collo in ecopelliccia, felpe con il cappuccio, dolcevita e top stretch interrotti da cut-out sensuali, jeans che si allargano sul fondo. Si differenziano, al contrario, grazie agli accessori che alternano sneakers logate a sandali in latex da abbinare a una calza coordinata che li fanno sembrare, apparentemente, uno stivale aderente sopra al ginocchio. Nonostante tutto, la collezione, estremamente desiderabile, risulta, comunque, percorsa dalla stessa energia futuristica che animava André Courrèges quando nel 1961 aprì la maison, adesso, di proprietà di Artemis. Senza, però, innovazioni ed esagerazioni. Se, da una parte, per stimolare l’interesse del consumatore nei confronti di un’etichetta è necessaria più che mai una visione coerente, dall’altra, per onorarne maggiormente il fondatore sarebbe necessario puntare sulla sperimentazione. Auspicabilmente, il prossimo obiettivo da raggiungere.

Daniele S.

Back to top