“Una donna è più vicina a essere nuda quando è ben vestita”, diceva Mademoiselle. E quando è troppo vestita? Se i detrattori della sfilata di ieri di Christian Dior, disegnata da Maria Grazia Chiuri, puntavano sul fatto che la haute couture stia diventando troppo commerciale (direzione opposta a quella di Giambattista Valli che ha da poco concluso un accordo con Artémis, la holding della famiglia Pinault), il messaggio è stato confermato questa mattina da Karl Lagerfeld nella collezione autunno-inverno 2017-2018 di Chanel. A differenza della stilista italiana, però, che, ricalcando l’affermazione tanto amata da monsieur Dior, “La moda si deve adattare alle donne e non le donne alla moda”, propone abiti per diverse figure femminili, Lagerfeld sembra voler sottolineare la supremazia dell’eleganza parigina. La città è ovunque, nella Tour Eiffel ricreata all’interno del Grand Palais, ma anche nell’ispirazione che accompagna i rigorosi tailleur da giorno in tweed dalle spalle arrotondate e dalle gonne sfrangiate. Nessuna concessione se non qualche piccola scollatura o richiamo floreale. Anche per la sera, escludendo le paillette, gli abiti sono neri o bianchi in duchesse di seta sapientemente drappeggiata. Immancabili i cappelli coordinati. A suggellare lo show, il sindaco della capitale francese, Anne Hidalgo, ha consegnato nelle mani del couturier la medaglia di Grand Vermeil: “Parigi vi ama!”. Un’onorificenza alla carriera significherà qualcosa, come molti hanno pensato? Poco importa! Di queste passerelle si ricorderà che il lusso riscopre il dettaglio d’atelier e ritorna a seguire il Coco pensiero: sottrazione severa e preziosa.

Foto/photos: Yannis Vlamos / Indigital.tv

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current month ye@r day *