Quando una donna indossa haute couture? Le donne che monsieur Dior amava, capiva e vestiva prediligevano il daywear, da tempo trascurato da chi non ha come obiettivo principale la vendita. Da 600 schizzi arrivava a presentare 250 abiti a sfilata, che nel tempo hanno contribuito a delineare la storia della maison francese che, adesso, per il 70° anniversario, rivive a Les Arts Décoratifs nella mostra “Christian Dior. Couturier du rêve”: dal 1947 a oggi, passando per i sei direttori creativi che si sono avvicendati alla guida della casa di moda: Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferré, John Galliano, Raf Simons e, oggi, Maria Grazia Chiuri. Però tutto questo è solo un punto di partenza. Cosa rende ancora grande la griffe? La poliedricità è la sua forza, che si traduce in un inesauribile potenziale di modernità, nonostante, come sostiene la stilista italiana, si debba rifuggire lo stereotipo (o la replica!). Dior non è solo New Look, fiori e tailleur Bar, comunque immancabili, come suggerito da Isabelle Rabineau nel suo libro “Le molte vite di Christian Dior”. Tante vite quante sono le diverse esigenze delle donne nel mondo.
Invece, per la sua seconda collezione per l’autunno-inverno 2017-2018, che trasloca dal giardino del Musée Rodin a quello del Hôtel des Invalides, allestito per l’occasione dall’artista Pietro Ruffo, Maria Grazia Chiuri si rifà a una pubblicazione del 1953, commissionata dal fondatore per raccontare l’azienda alle filiali. Ciò che davvero Dior dev’essere. Maschile e femminile si fondono nei cappotti di lane inglesi, negli chemisier drappeggiati, nelle gonne a doppia piega per renderle tridimensionali, senza poi dimenticare gli abiti da sera in tulle, trasparenti ma non troppo, grazie a un abile gioco di sovrapposizioni, o ricamati con mappe di viaggio, come i viaggi che la direttrice creativa fa nell’archivio o quelli che diventano emozioni. Tutto è rigorosamente stretto in vita da una piccola cintura di coccodrillo o, in un caso, da una fascia dell’amato animalier. Perché se il passato è una successione di date, il futuro non è altro che la scomposizione dell’esperienza. Per poter sempre ricominciare.

Foto/photos: Yannis Vlamos / Indigital.tv

 

Comments are closed.