Tutto scorre. Anche la moda. In un periodo di ridefinizione del sistema, durante il quale anche le posizioni più alte della piramide creativa si susseguono a velocità impressionanti, gli unici capisaldi rimasti in un mercato, dove i Millennials stanno diventando sempre più influenti, sono solo due: identità e desiderabilità. In questo processo, Francesco Risso, alla sua seconda collezione maschile per Marni, inizia a tratteggiare le linee guida della sua estetica che, per la primavera-estate 2018, si fanno più chiare e definite. Ed essere il successore della fondatrice di un brand complica decisamente il raggiungimento dell’obiettivo. Ma la sfilata, intitolata Lost and Found, parte dal presupposto più elementare dei guardaroba contemporanei: cos’altro si può aggiungere? Cosa può interessare il consumatore? Come proporre qualcosa di nuovo? Riassemblando, la formula che sta determinando il successo delle griffe più richieste o quelle che hanno ancora qualcosa da dire. In modo da liberare l’uomo dalle regole e da farlo uscire da schemi preimpostati. Così abiti gessati, studiatamente decostruiti e ricostruiti, sono abbinati a camicie metropolitane arricchite da pettorine con le immagini disegnate per l’occasione dall’artista Magdalena Suarez e a cravatte apparentemente casuali che se, da un lato, sembrano prestate o della taglia sbagliata, dall’altro, donano una rilassatezza vacanziera che invoglia l’evasione. Al bando ogni rigidità insieme a sneaker o stringate dalle forme pulite in versione bianco e nero, rosse o nella gamma dei marroni. E se la combinazione surrealista richiama un’eco Watanabe-esca, lo stilista dimostra, questa volta, una maggiore consapevolezza che non dimentica il desiderio di sovrapposizione fluida tipica del marchio. Però, a proposito di casualità, non resta che confidare che questa prova riuscita non sia fortuita.

Foto/photos: Luca Tombolini / Indigital.tv

 

2 Responses to Marni primavera-estate 2018 / Marni spring-summer 2018

  1. Annalisa says:

    Un’evoluzione potenzialmente interessante. Non mi è dispiaciuta.

  2. Matteo says:

    Una delle sfilate migliori di Milano. Francesco Risso evolve.