Cos’arriva davvero della moda nelle strade? Si riesce veramente a rilevare? Forse, in base alle vendite? Ma, alla fine, cosa davvero emerge? Questione di punti di vista sembrerebbe dire Phoebe Philo che ha pensato di mostrare la collezione autunno-inverno 2017-2018 di Céline da più di una prospettiva: a partire dal set, creato dall’artista Philippe Parreno, costituito da quattro piattaforme rotanti, in modo circolare come il fashion system, sulle quali era sistemato a piramide il pubblico che diventa interattivo. Ma anche dall’incrocio, apparentemente casuale, delle traiettorie percorse dalle modelle in passerella, quasi a mimare il caos del mondo moderno. Cosa veramente colpisce lo sguardo quando si cammina per le strade? Cosa resta di un guardaroba formato da cappotti maschili o giacche da smoking strette in vita da camicie stampate, fazzoletti che diventano cappucci, camicie a righe che si allungano verticalmente per diventare chemisier, plaid antifreddo al braccio e frange che spuntano dalle sciarpe o dagli abiti per dare movimento? Forse gli accessori, sempre protagonisti della griffe del Gruppo LVMH? Questa stagione, la stilista punta su stivali a punta da cowboy e borse che, pur mantenendo le consuete linee architettoniche, diventano maxi. L’obiettivo della moda, adesso, è quello di creare confusione? Di disorientare? In modo quasi antitetico, invece, tutto diventa essenziale fondendo maschile e femminile, non serrando i volumi e ridefinendo la nuova uniforme femminile fatta di semplicità concettuale. E se la donna dovesse perdersi, c’è sempre la stampa che sembra una mappa stradale. Quando non ci sono spiegazioni, però, è più facile abbandonarsi all’esperienza sensoriale dalla quale, spesso, si ottengono maggiori informazioni. O, almeno, più interessanti. In un’epoca in cui tutti chiedono sempre di più, sarebbe sufficiente solamente soffermarsi sul motivo per il quale una collezione piace più di un’altra.

Foto/photos: Monica Feudi / Indigital.tv

 

2 Responses to Céline autunno-inverno 2017-2018 / Céline fall-winter 2017-2018

  1. Annalisa says:

    Vista e rivista. Si salvano appena gli accessori.

  2. Salvatore says:

    Per me neanche quelli.