Non c’è solo maschile e femminile: i contrasti sulla passerella di Dries Van Noten non si contano: slim e over, mini e maxi, occidente e oriente, monocromie e fantasie. Ma isolando ogni singolo elemento e riassemblandolo, quante potrebbero essere le combinazioni possibili? Infinite! E così bomber dalle spalle vittoriane sono accostati a bermuda dalla linea dritta, giacche da camera a jeans ampi, giacchine doppiopetto ad abiti voluminosi arricchiti da ricami appesi all’orlo di un bolerino, che salgono come un davantino fingendosi un dolcevita o che diventano una gorgiera preziosa. Un gioco quasi magico, come l’acqua che invade la passerella, proveniente dai parallelepipedi di ghiaccio che delimitavano il percorso delle modelle con i visi coperti da tulle annodato dietro la testa. L’installazione di Azuma Makoto, “Iced flowers”, evidenziava, con i grandi bouquet di fiori incastonati o forse sarebbe meglio dire congelati (“Frozen”, come la canzone di Madonna riletta nella colonna sonora che accompagnava la sfilata) nei lavori del fiorista-couturier, amico di Van Noten, la presenza floreale che contagia le proposte per la primavera-estate 2017 e non risparmia neanche le calzature dai tacchi in legno. E se la moda deve veicolare un messaggio, anche lo stilista non manca di comunicare chiaramente il suo: tutto, alla fine, è solo un equilibrio perfetto di opposti.

Foto/photos: Kim Weston Arnold / Indigital.tv

 

4 Responses to Dries Van Noten primavera-estate 2017 / Dries Van Noten spring-summer 2017

  1. fendissima says:

    Meravigliosamente floreale.

  2. Salvatore says:

    Splendida.

  3. Annalisa says:

    Molti richiami dal passato ma ugualmente piacevole.

  4. giulia says:

    Stupenda.