Currently viewing the category: "cosmetics"

Açaí, la linea di skincare riparativa di provata efficacia, 100% di origine naturale.

Açaí, the reparative skincare line of proven efficacy, 100% natural.

Una linea clinicamente testata per il trattamento della pelle, efficace grazie ad un superantiossidante: l’estratto di bacca di açaí, ottenuto da coltivazione biologica. Dopo anni di ricerca e sviluppo, Kiehl’s è lieta di presentare una linea di quattro prodotti per il trattamento della pelle, 100% di origine naturale. Test clinici dimostrano che l’utilizzo di questi prodotti aiuta a combattere le aggressioni dell’ambiente e a stimolare il naturale processo di rinnovamento dell’epidermide.
Açaí Damage-Minimizing Cleanser: un detergente antiossidante delicatamente schiumoso. Aiuta a neutralizzare il processo ossidativo. Migliora l’elasticità della pelle rendendola più luminosa. Açaí Damage Minimizing Cleanser è formulato con ingredienti 100% naturali e il 100% degli ingredienti vegetali è biologico. La formula è priva di parabeni e siliconi. Ha un effetto lenitivo e dona sollievo alla pelle esposta allo stress ossidativo. Formato 150 ml, prezzo consigliato al pubblico 31,00 euro.
Açaí Damage-Protecting Toning Mist: un tonico arricchito da antiossidanti per esaltare il colorito e affinare la grana della pelle, offrendo allo stesso tempo una protezione contro i fattori ambientali. Açaí Damage-Protecting Toning Mist contiene ingredienti 100% di origine naturale e il 100% degli ingredienti vegetali è biologico. La formula è priva di parabeni e siliconi. Formato 118 ml, prezzo consigliato al pubblico 33,00 euro.
Açaí Damage-Repairing Serum: una formula ultra concentrata contenente il 10% di estratto di bacca di açaí, che favorisce i processi di riparazione della pelle dovuti a ossidazione ambientale, esposizione al sole e altri fattori di stress esterni. Açaí Damage Repairing Serum è formulato con ingredienti 100% di origine naturale e il 100% degli ingredienti vegetali sono biologici. Non contiene parabeni e siliconi. Fornisce idratazione alla pelle e attenua le rughe sottili. Ha un effetto tensore e rende la pelle più elastica. Formato 50 ml, prezzo consigliato al pubblico 56,00 euro.
Açaí Damage-Correcting Moisturizer: un idratante arricchito con antiossidanti per aiutare la pelle a riparare i danni ambientali. Attenua le rughe sottili e migliora l’elasticità della pelle. Açaí Damage-Correcting Mositurizer è formulato con ingredienti 100% di origine naturale e il 100% degli ingredienti vegetali sono biologici. La formula è priva di parabeni e siliconi. Attenua le rughe sottili e le discromie. Formato 75 ml, prezzo consigliato al pubblico 52,00 euro.

 

Açaí, la linea di skincare riparativa di provata efficacia, 100% di origine naturale.

Açaí, the reparative skincare line of proven efficacy, 100% natural.

Una linea clinicamente testata per il trattamento della pelle, efficace grazie ad un superantiossidante: l’estratto di bacca di açaí, ottenuto da coltivazione biologica. Dopo anni di ricerca e sviluppo, Kiehl’s è lieta di presentare una linea di quattro prodotti per il trattamento della pelle, 100% di origine naturale. Test clinici dimostrano che l’utilizzo di questi prodotti aiuta a combattere le aggressioni dell’ambiente e a stimolare il naturale processo di rinnovamento dell’epidermide.
Açaí Damage-Minimizing Cleanser: un detergente antiossidante delicatamente schiumoso. Aiuta a neutralizzare il processo ossidativo. Migliora l’elasticità della pelle rendendola più luminosa. Açaí Damage Minimizing Cleanser è formulato con ingredienti 100% naturali e il 100% degli ingredienti vegetali è biologico. La formula è priva di parabeni e siliconi. Ha un effetto lenitivo e dona sollievo alla pelle esposta allo stress ossidativo. Formato 150 ml, prezzo consigliato al pubblico 31,00 euro.
Açaí Damage-Protecting Toning Mist: un tonico arricchito da antiossidanti per esaltare il colorito e affinare la grana della pelle, offrendo allo stesso tempo una protezione contro i fattori ambientali. Açaí Damage-Protecting Toning Mist contiene ingredienti 100% di origine naturale e il 100% degli ingredienti vegetali è biologico. La formula è priva di parabeni e siliconi. Formato 118 ml, prezzo consigliato al pubblico 33,00 euro.
Açaí Damage-Repairing Serum: una formula ultra concentrata contenente il 10% di estratto di bacca di açaí, che favorisce i processi di riparazione della pelle dovuti a ossidazione ambientale, esposizione al sole e altri fattori di stress esterni. Açaí Damage Repairing Serum è formulato con ingredienti 100% di origine naturale e il 100% degli ingredienti vegetali sono biologici. Non contiene parabeni e siliconi. Fornisce idratazione alla pelle e attenua le rughe sottili. Ha un effetto tensore e rende la pelle più elastica. Formato 50 ml, prezzo consigliato al pubblico 56,00 euro.
Açaí Damage-Correcting Moisturizer: un idratante arricchito con antiossidanti per aiutare la pelle a riparare i danni ambientali. Attenua le rughe sottili e migliora l’elasticità della pelle. Açaí Damage-Correcting Mositurizer è formulato con ingredienti 100% di origine naturale e il 100% degli ingredienti vegetali sono biologici. La formula è priva di parabeni e siliconi. Attenua le rughe sottili e le discromie. Formato 75 ml, prezzo consigliato al pubblico 52,00 euro.

 

Accordo tra il gruppo ICR-ITF e MAC Cosmetics per il make- up firmato Dsquared2: 12 prodotti Mac disegnati dai gemelli canadesi Dean e Dan Caten.

Il gruppo ICR- ITF, che produce e distribuisce a livello mondiale i profumi Dsquared2 ha siglato, insieme agli stilisti Dean e Dan Caten, un accordo di sub licenza per alcuni prodotti di make-up con MAC Cosmetics, limitatamente al periodo settembre 2009-marzo 2010.
Dean e Dan hanno disegnato e vestito 12 prodotti MAC, creando in anteprima il make-up look per la loro sfilata autunno-inverno 2009-10, durante la fashion week milanese dello scorso febbraio.
“MAC e il loro staff sono parte della famiglia Dsquared2 – dicono Dean e Dan Caten – siamo cresciuti con loro. Ci hanno sostenuto molto fin dagli inizi della nostra carriera di stilisti e ora siamo onorati ed entusiasti della nascita di una linea di make-up in collaborazione con loro. MAC e Dsquared2 hanno entrambi forti legami con le star della musica e del cinema, dunque eravamo sulla stessa lunghezza d’onda quando abbiamo studiato insieme questa collezione che è ispirata alle giovani star di Hollywood e al loro look naturalmente cool”.
Gli esclusivi Greasepaint stick, Kohl Power Pencil, Lip Conditioner, Lip Erase, Lipstick, Gloss texture, Sculpt and Shape powder saranno disponibili, in esclusiva e per il solo periodo settembre 2009-marzo 2010, in tutti i MAC Stores del mondo, per tutti i clienti e consumatori.
Grazie a tale accordo ICR-ITF realizzerà, per San Valentino 2010, uno speciale cofanetto, disponibile a livello internazionale, che racchiude la fragranza Dsquared2 SHE WOOD accompagnata dal prodotto di make-up Dsquared2 Mac Lipglass nella stessa nuance di rosa.
Un incontro tra due leader del settore, firmato Dsquared2 che sta già creando una grande attesa a livello internazionale.
 

Accordo tra il gruppo ICR-ITF e MAC Cosmetics per il make- up firmato Dsquared2: 12 prodotti Mac disegnati dai gemelli canadesi Dean e Dan Caten.

Il gruppo ICR- ITF, che produce e distribuisce a livello mondiale i profumi Dsquared2 ha siglato, insieme agli stilisti Dean e Dan Caten, un accordo di sub licenza per alcuni prodotti di make-up con MAC Cosmetics, limitatamente al periodo settembre 2009-marzo 2010.
Dean e Dan hanno disegnato e vestito 12 prodotti MAC, creando in anteprima il make-up look per la loro sfilata autunno-inverno 2009-10, durante la fashion week milanese dello scorso febbraio.
“MAC e il loro staff sono parte della famiglia Dsquared2 – dicono Dean e Dan Caten – siamo cresciuti con loro. Ci hanno sostenuto molto fin dagli inizi della nostra carriera di stilisti e ora siamo onorati ed entusiasti della nascita di una linea di make-up in collaborazione con loro. MAC e Dsquared2 hanno entrambi forti legami con le star della musica e del cinema, dunque eravamo sulla stessa lunghezza d’onda quando abbiamo studiato insieme questa collezione che è ispirata alle giovani star di Hollywood e al loro look naturalmente cool”.
Gli esclusivi Greasepaint stick, Kohl Power Pencil, Lip Conditioner, Lip Erase, Lipstick, Gloss texture, Sculpt and Shape powder saranno disponibili, in esclusiva e per il solo periodo settembre 2009-marzo 2010, in tutti i MAC Stores del mondo, per tutti i clienti e consumatori.
Grazie a tale accordo ICR-ITF realizzerà, per San Valentino 2010, uno speciale cofanetto, disponibile a livello internazionale, che racchiude la fragranza Dsquared2 SHE WOOD accompagnata dal prodotto di make-up Dsquared2 Mac Lipglass nella stessa nuance di rosa.
Un incontro tra due leader del settore, firmato Dsquared2 che sta già creando una grande attesa a livello internazionale.
 
Dopo l’accordo siglato a giugno con il gruppo Damiani per la produzione e la distribuzione a livello mondiale delle collezioni di gioielli e orologi a marchio Jil Sander, dal 2008 fa capo al gruppo nipponico Onward Holdings Co. Ltd, è in arrivo a settembre il nuovo profumo femminile del marchio. La campagna pubblicitaria di presentazione è stata realizzata dal fotografo Jan Welters che ha immortalato la modella Julia Restoin Roitfeld.

È in programma per settembre il debutto sul mercato di Jil, il nuovo profumo femminile firmato da Jil Sander, un bouquet floreale-ambrato sviluppato dal naso Olivier Polge in collaborazione con Bruno Jovanovic. L’immagine è stata affidata a Julia Restoin Roitfeld, figlia della direttrice di Vogue Francia Carine Roitfeld, che il fotografo Jan Welters ha ritratto nella campagna pubblicitaria di supporto alla fragranza: la sua sensualità fresca, pulita e spumeggiante la rendono ideale per rappresentare l’essenza e il “mood” di Jil e, super attivissima com’è, lavora come modella per prestigiosi marchi di moda internazionali, editor e stilista, rappresenta un perfetto esempio per milioni di ragazze.
“Questo lancio rappresenta un passo in avanti nella definizione delle strategie di sviluppo del marchio. Strategie basate – ha dichiarato Alessandro Cremonesi che, da giugno, è il nuovo amministratore delegato di Jil Sander – su due punti essenziali: il mantenimento della linea di brand che trova il suo valore nella purezza, nella qualità, nell’eleganza e l’adattamento del marchio all’evoluzione del mercato. Questo nuovo lancio, nello specifico, esplora l’ambito più giovanile del marchio”.
Fondata dalla designer tedesca Heide Marie Jiline Sander nel 1978 ad Amburgo, dove nel 1973 era stata presentata la prima collezione del marchio, Jil Sander GmbH ha siglato nel 1979, con l’allora Lancaster Group, oggi Coty Prestige, la sua prima licenza. Un’alleanza strategica nel segmento beauty concretizzata durante lo stesso anno con il debutto sul mercato delle sue prime fragranze, Pure Woman e Pure Man. La prima boutique monomarca, aperta a Parigi in Avenue Montaigne, è del 1993 e l’anno seguente inaugura a Milano la prima filiale estera, il cui showroom sarà in seguito tramutato in headquarter del gruppo. Alla fine degli anni Novanta la stilista cede il controllo del marchio al Gruppo Prada. Nel 2005 l’ingresso in azienda del nuovo direttore creativo Raf Simons, nel 2006 il passaggio dal Gruppo Prada al fondo di private equity Change Capital Partners e nel settembre 2008 l’ultima acquisizione da parte del gruppo nipponico Onward Holdings Co. Ltd. per 167 milioni di euro. Nell’ultimo anno l’azienda, le cui collezioni di abbigliamento uomo e donna sono affidate alla fiorentina Gibò, sussidiaria europea di Onward Holdings, ha siglato una serie di licenze con prestigiosi partner italiani, grazie alle quali la gamma di prodotti del marchio si aggiorna estendendosi con nuove collezioni di occhiali (Marchon), calzature (Iris), gioielli e orologi (Damiani), underwear e beachwear (Albisetti).
“La presenza del marchio Jil Sander – continua Cremonesi – è ormai consolidata a livello mondiale: Giappone, Usa, Europa, Middle e Far East. In merito alle nuove direzioni di crescita le nostre valutazioni sono quelle di spingere sui mercati emergenti dove siamo già presenti come distributori e sui quali focalizzeremo maggiormente l’attenzione. Certamente, tra gli obiettivi, poniamo anche quello di recuperare il mercato Usa, molto importante per il marchio ma oggi in una situazione di difficoltà. E anche quello di focalizzarci sull’Inghilterra e su tutta l’area British, dalla quale giungono segnali importanti”.
Con oltre venti marchi in portafoglio il Gruppo Coty Prestige ha indirizzato la propria identità nel settore dei fashion brand, attraverso progetti che puntano su designer di qualità, dal carattere giovane e dallo stile contemporaneo. Un indirizzo al quale il lancio della nuova boccetta Jil aggiunge per l’Italia ulteriore appeal.
“Per la prima volta nella storia della nostra partnership con Jil Sander – aggiunge Michele Scannavini, presidente mondo di Coty Prestige – abbiamo studiato, sviluppato e raffinato un prodotto pensando per prima cosa al consumatore italiano. Un mercato che non supera il 5% del giro d’affati globale di Coty Prestige ma è di grande importanza in termini di immagine e soprattutto di crescita futura per un marchio che ci accompagna da trent’anni ed in Germania risulta tra le fragranze femminili più vendute. Questo nuovo progetto ha l’obiettivo di conquistare posizioni di grande qualità: in Italia la distribuzione sarà circoscritta a 1200 doors, ovvero il 50% del canale selettivo. A livello internazionale la progressione toccherà Usa, Medio Oriente e Asia”.
 
Dopo l’accordo siglato a giugno con il gruppo Damiani per la produzione e la distribuzione a livello mondiale delle collezioni di gioielli e orologi a marchio Jil Sander, dal 2008 fa capo al gruppo nipponico Onward Holdings Co. Ltd, è in arrivo a settembre il nuovo profumo femminile del marchio. La campagna pubblicitaria di presentazione è stata realizzata dal fotografo Jan Welters che ha immortalato la modella Julia Restoin Roitfeld.

È in programma per settembre il debutto sul mercato di Jil, il nuovo profumo femminile firmato da Jil Sander, un bouquet floreale-ambrato sviluppato dal naso Olivier Polge in collaborazione con Bruno Jovanovic. L’immagine è stata affidata a Julia Restoin Roitfeld, figlia della direttrice di Vogue Francia Carine Roitfeld, che il fotografo Jan Welters ha ritratto nella campagna pubblicitaria di supporto alla fragranza: la sua sensualità fresca, pulita e spumeggiante la rendono ideale per rappresentare l’essenza e il “mood” di Jil e, super attivissima com’è, lavora come modella per prestigiosi marchi di moda internazionali, editor e stilista, rappresenta un perfetto esempio per milioni di ragazze.
“Questo lancio rappresenta un passo in avanti nella definizione delle strategie di sviluppo del marchio. Strategie basate – ha dichiarato Alessandro Cremonesi che, da giugno, è il nuovo amministratore delegato di Jil Sander – su due punti essenziali: il mantenimento della linea di brand che trova il suo valore nella purezza, nella qualità, nell’eleganza e l’adattamento del marchio all’evoluzione del mercato. Questo nuovo lancio, nello specifico, esplora l’ambito più giovanile del marchio”.
Fondata dalla designer tedesca Heide Marie Jiline Sander nel 1978 ad Amburgo, dove nel 1973 era stata presentata la prima collezione del marchio, Jil Sander GmbH ha siglato nel 1979, con l’allora Lancaster Group, oggi Coty Prestige, la sua prima licenza. Un’alleanza strategica nel segmento beauty concretizzata durante lo stesso anno con il debutto sul mercato delle sue prime fragranze, Pure Woman e Pure Man. La prima boutique monomarca, aperta a Parigi in Avenue Montaigne, è del 1993 e l’anno seguente inaugura a Milano la prima filiale estera, il cui showroom sarà in seguito tramutato in headquarter del gruppo. Alla fine degli anni Novanta la stilista cede il controllo del marchio al Gruppo Prada. Nel 2005 l’ingresso in azienda del nuovo direttore creativo Raf Simons, nel 2006 il passaggio dal Gruppo Prada al fondo di private equity Change Capital Partners e nel settembre 2008 l’ultima acquisizione da parte del gruppo nipponico Onward Holdings Co. Ltd. per 167 milioni di euro. Nell’ultimo anno l’azienda, le cui collezioni di abbigliamento uomo e donna sono affidate alla fiorentina Gibò, sussidiaria europea di Onward Holdings, ha siglato una serie di licenze con prestigiosi partner italiani, grazie alle quali la gamma di prodotti del marchio si aggiorna estendendosi con nuove collezioni di occhiali (Marchon), calzature (Iris), gioielli e orologi (Damiani), underwear e beachwear (Albisetti).
“La presenza del marchio Jil Sander – continua Cremonesi – è ormai consolidata a livello mondiale: Giappone, Usa, Europa, Middle e Far East. In merito alle nuove direzioni di crescita le nostre valutazioni sono quelle di spingere sui mercati emergenti dove siamo già presenti come distributori e sui quali focalizzeremo maggiormente l’attenzione. Certamente, tra gli obiettivi, poniamo anche quello di recuperare il mercato Usa, molto importante per il marchio ma oggi in una situazione di difficoltà. E anche quello di focalizzarci sull’Inghilterra e su tutta l’area British, dalla quale giungono segnali importanti”.
Con oltre venti marchi in portafoglio il Gruppo Coty Prestige ha indirizzato la propria identità nel settore dei fashion brand, attraverso progetti che puntano su designer di qualità, dal carattere giovane e dallo stile contemporaneo. Un indirizzo al quale il lancio della nuova boccetta Jil aggiunge per l’Italia ulteriore appeal.
“Per la prima volta nella storia della nostra partnership con Jil Sander – aggiunge Michele Scannavini, presidente mondo di Coty Prestige – abbiamo studiato, sviluppato e raffinato un prodotto pensando per prima cosa al consumatore italiano. Un mercato che non supera il 5% del giro d’affati globale di Coty Prestige ma è di grande importanza in termini di immagine e soprattutto di crescita futura per un marchio che ci accompagna da trent’anni ed in Germania risulta tra le fragranze femminili più vendute. Questo nuovo progetto ha l’obiettivo di conquistare posizioni di grande qualità: in Italia la distribuzione sarà circoscritta a 1200 doors, ovvero il 50% del canale selettivo. A livello internazionale la progressione toccherà Usa, Medio Oriente e Asia”.
 

La linea Blu Mediterraneo Italian Resort porta a casa i benefici delle formulazioni utilizzate presso la Blu Mediterraneo SPA di Porto Cervo Marina.

Si chiama Blu Mediterraneo Italian Resort la nuova linea di otto prodotti per viso e corpo targata Acqua di Parma. Da oggi l’atmosfera rilassante ed esclusiva della SPA è facilmente ricreabile nell’intimità di casa grazie a questi nuovi prodotti nati dalle formulazioni utilizzate presso la Blu Mediterraneo SPA di Porto Cervo che, con semplici gesti, danno l’opportunità di godere a pieno dei benefici cosmetici ed emozionali della linea.
La Blu Mediterraneo Italian Resort ha catturato la forza vitale degli ingredienti estratti da piante della macchia mediterranea che, sottoposte a condizioni climatiche estreme, sviluppano componenti vitali determinanti per la loro sopravvivenza garantendo, così, un vero e proprio beneficio alla pelle. Il segreto di questo beneficio cosmetico sta in una semplice sigla di tre lettere: MOC, ovvero Mediterranean Oxygenating Complex, un mix di principi attivi che cattura la forza della macchia mediterranea e agisce sulla pelle con quattro azioni sinergiche: purificante, poiché la pelle si illumina grazie alle azioni dell’estratto di salice bianco, dell’acido salicilico e dell’estratto di fiori di ginestra che, rispettivamente, chiudono i pori, esfoliano e purificano la pelle; ossigenante, grazie alle gemme di faggio, che stimolano il metabolismo e migliorano l’ossigenazione della pelle; nutriente, la pelle si rigenera e si disseta per effetto dell’estratto di fico; protettiva, con l’estratto di semi di carrubbo che garantisce un’anti-disidratazione della pelle. Anche la fragranza della linea Blu Mediterraneo Italian Resort esercita un beneficio emozionale: l’olio essenziale di limone offre un’azione purificante, quello di mandarino e germe di grano ha un potere energizzante e il potere rilassante è garantito dalla presenza dell’olio essenziale di petit grain e patchouli.

 
Una nuova stagione di benessere con Acqua di Parma: la Blu Mediterraneo SPA di Porto Cervo Marina presso lo Yacht Club Costa Smeralda riapre con esclusivi trattamenti “on board” e “private luxury”. Nuove emozioni “In Villa”, invece, nell’ri-edizione della Colonia Assoluta di Acqua di Parma per una suggestiva interpretazione dell’arte di vivere italiana.

La Blu Mediterraneo SPA di Acqua di Parma inaugura la stagione proponendo trattamenti personalizzati “on board” e di “private luxury” presso le ville più esclusive di Porto Cervo. Chi lo desidera potrà, infatti, richiedere la presenza di esperti della Blu Mediterraneo SPA sul proprio yacht o presso la propria abitazione per godere appieno di un lusso più intimo.
Esclusiva oasi di relax, situata nella prestigiosa cornice dello Yacht Club Costa Smeralda di Porto Cervo Marina, la Blu Mediterraneo SPA di Acqua di Parma riapre per invitare i suoi ospiti a vivere lo stesso profondo benessere di una lunga, appagante giornata trascorsa sulle rive del Mediterraneo italiano. Negli spazi accoglienti e distensivi il pubblico potrà sempre concedersi esperienze sensoriali uniche e scegliere tra un ampio ventaglio di trattamenti studiati per donare a corpo e spirito un benessere profondo, completo e rigenerante. Nei mesi di aprile e maggio l’apertura si limiterà ai week-end, da venerdì a domenica; da giugno a settembre, invece, si estenderà per tutta la settimana.
Blu Mediterraneo Italian Resort, la linea nata dalla Blu Mediterraneo SPA per chi nello spazio della propria casa vuole concedersi piccoli, lussuosi percorsi di benessere, quest’anno si arricchisce di tre nuovi prodotti.

Acqua di Parma, al contrario, reinterpreta flacone e confezione di Colonia Assoluta con un’edizione ancora più speciale, In Villa, espressione dell’arte di vivere italiana nelle grandi ville toscane.
Colonia Assoluta nasce dall’incontro di più di dodici ingredienti naturali, dagli agrumi italiani, ai nobili legni biondi fino alle più calde note speziate. Un moderno, luminoso profumo per uomo e donna, che rispecchia in ogni suo accento la solare bellezza della campagna toscana. Il piacere di lasciarsi avvolgere dall’ombra dei cipressi ai lati dell’ampio viale che si snoda morbido e sinuoso lungo la collina e, infine, varcare i cancelli della magnifica, antica villa dove tutto racconta l’eleganza senza tempo delle terre di Toscana. La dimensione distesa ed accogliente che si respira nei raffinati spazi e giardini delle grandi dimore toscane, viene evocata in ogni dettaglio. Sulla confezione spiccano verdi filari di cipressi stilizzati, sul fondo declinato nel raffinato giallo Acqua di Parma. Pennellate di verde tornano anche sui lati del prezioso flacone in vetro e nel vaporizzatore, a richiamare la generosa natura di questi splendidi luoghi.
 

Per il profumo primaverile, frizzante, fresco e morbido che va ad ampliare la famiglia Miss Dior, uno spot dai colori confetto girato a Parigi dalla celebre regista Sofia Coppola, per la prima volta alle prese con una pubblicità, che concentra in un minuto la giornata di una ragazza parigina che ha il volto della biondissima e dolce modella bielorussa Maryna Linchuk.

Sulle note leggere, spumeggianti e irresistibili di “Moi, je joue” ritmo anni Sessanta che evoca la joie de vivre, una giovane sofisticata fanciulla cammina e volteggia per le strade di Parigi mentre prova diversi occhiali da sole, corre per i boulevard alberati, non esita a entrare in pasticceria per togliersi una voglia, passeggia tra fontane e ponti bianchi e si meraviglia davanti ai fiori.
Il ricordo va senza dubbio alla sensualità di Brigitte Bardot che canta la canzone, ma la ricerca visuale riguardo la scelta della interprete è stata molto precisa e radicale. Eleganza, freschezza, raffinatezza, classe. L’eros è presente, ovviamente, ma è appena abbozzato, mistificato dalla connotazione giocosa e divertente, comunicato con la soavità impalpabile del volo di una piuma. Un viaggio intimo, allegro, apparentemente innocente ma assolutamente libero e impertinente.
Lo spot Miss Dior Chérie L’Eau è un perfetto meccanismo comunicativo che gioca la carta della pulizia formale, dei colori pastello e della luce primaverile con un tocco pop. Ogni inquadratura è sovrailluminata, la palette cromatica è tenue, chiara, sbiadita, delicatissima, così come estremamente misurati sono i movimenti della protagonista immortalati da una macchina da presa gestita con assoluta sicurezza. Non c’è però alcun effetto stucchevole e mieloso, ma solo l’articolazione di un discorso linguistico finalizzato a mettere a fuoco le caratteristiche più che di un prodotto, dell’immagine di un’azienda.
Cavalcando un luogo comune, si potrebbe dire che si tratta di una campagna pubblicitaria la cui atmosfera è tipicamente femminile, dietro la macchina a presa c’è Sofia Coppola e la modella è la bellissima Maryna Linchuk, già testimonial di Donna Karan.
Molto più razionalmente, si avverte, invece, la mano espressiva di un’ottima autrice che ha saputo esaltare all’ennesima potenza il marchio che le era stato affidato registicamente, realizzando un racconto che forse ha le apparenze di una fiaba ma che in verità richiama alla mente alcuni capolavori della Hollywood degli anni cinquanta, in trasferta europea.
È come se tutta la pubblicità fosse una spruzzata di profumo. Leggero, veloce, inebriante e zuccherino rappresenta la giovane donna di oggi, sbarazzina e piena di vita, che lotta contro l’uniformità e il grigiore che la circonda ma che vive bene la sua epoca e la sua città.
“Lo spot – dice Sofia Coppola – racconta la mia Parigi. Sono americana, vedo la città, i monumenti, la gente con occhi diversi, non viziati dall’abitudine. Ho cercato di riprodurre un giorno da sogno nella Ville Lumière per una giovane donna: una prova d’abito privata alla maison Dior, tappa dal fiorista più famoso della Rive Gauche, merenda in pasticceria e un bacio romantico al fidanzato. Durante i tre giorni di riprese ci siamo divertiti molto. È stato interessante per una volta adattare la mia creatività alla struttura suggerita da Dior. Tutto è filato liscio, a parte l’extra budget per la pasticceria: il proprietario ha insistito perchè assaggiassimo tutto”. E sulla scelta di una canzone vintage al posto di una hit recente, com’è nel suo stile: “Non la conoscevo, ma è una melodia che cattura. Sul set l’abbiamo ascoltata centinaia di volte”.
Gli abiti in satin rosa confetto che si adattano perfettamente alla scena, sono stati creati da John Galliano, d’ispirazione Sixties in tonalità acidulate e trasparenti ma rimodernati con una punta di eleganza esattamente come la fragranza che celebra il momento dell’anno in cui si risvegliano sensi e natura.
La grande storia d’amore tra Christian Dior e i profumi, infatti, inizia nel 1947, quando lancia il suo nuovo concetto di moda globale, tra haute couture, accessori e cosmetici: la fragranza diventa così il “finishing touch” dell’abito. Miss Dior nasce in quell’anno ed è subito l’essenza del New Look, con il suo contrasto fra note fresche e verdi e un fondo ciprato e caldo: per l’epoca è una vera rivoluzione olfattiva, che evoca una donna moderna ma sofisticata. Di successo in successo, nel 2005 arriva Miss Dior Chérie, un chypré fruttato aereo, dedicato alla giovane ragazza Dior. L’evoluzione continua ed ecco debuttare Miss Dior Chérie L’Eau, un profumo fresco e floreale, frizzante e delicato, che continua a celebrare i codici di eleganza della maison francese. Il leitmotiv delle tre creazioni è rappresentato dal fiocco, che vive la sua epoca, si trasforma e si alleggerisce: Miss Dior lo sfoggia di raso lucente, Miss Dior Chérie preferisce i bagliori metallici e L’Eau sceglie la trasparenza.
Il profumiere della famosa casa di moda François Demachy ha immaginato un’acqua leggera dagli effluvi fioriti fruttati e ghiottoni, al momento stesso, gioiosa e facile da portare, per eterne bambine viziate. L’arancia amara rende la fragranza golosa e frizzante al tempo stesso, mentre un cuore di gardenia le conferisce sensualità e impertinenza. Per finire, un fondo muschio bianco regala un’impressione di freschezza “pulita” e duratura.

 

Tra le novità nel campo dei profumi della stagione primaverile appena cominciata, la nuova fragranza del brand fiorentino che affonda le proprie radici nel cuore della storia di Gucci. Per una giovane che vuole sentirsi allegra e sbarazzina.

Ispirata all’iconico disegno degli archivi Gucci interpretato originariamente in un foulard di seta disegnato appositamente per la principessa Grace nel 1966 e ripreso dal direttore creativo Frida Giannini per presentarlo su abiti e accessori, la nuova fragranza femminile Flora by Gucci è fedelmente radicata nell’affascinante passato della casa di moda italiana e ripropone, anche nel profumo, il fascino senza tempo di quella stampa che è, al tempo stesso, luminosa, esuberante, moderna e attuale.
Come suggerisce il nome, il profumo evoca un mondo olfattivo floreale rivolto principalmente a una ragazza semplice, fresca e spontanea. Definita la versione giovanile del più famoso e importante Gucci by Gucci, adatto, però, a un altro tipo di femminilità, la sua costruzione unica e originale offre qualcosa di inusuale e irripetibile: agrumi e peonia danno un tocco di sensuale giovinezza alle note di testa esaltate da una base potente di sandalo e patchouli, tipiche del mondo delle fragranze di Gucci. Il cuore, invece, composto da rosa e osmanto, un fiore raro e delicato originario della Cina; la tensione tra questi elementi genera un accordo perfetto nel quale la delicatezza fruttata della rosa viene contrastata dai toni vellutati del cuoio caratteristici dell’osmanto. Il risultato, sensuale e sofisticato, lo differenzia dalla maggior parte dei profumi fioriti.
Anche il sorprendente design, sempre all’altezza dello stile Gucci, sottolinea il fascino speciale della fragranza. Il flacone è in vetro trasparente, a forma di parallelepipedo a base esagonale, con un tappo nero e un nastro dello stesso colore legato a fiocco intorno al collo con due piccoli bambù dorati insieme al particolare logo composto di lettere oro e tratto dalla firma autografa di Guccio Gucci. Niente di estremamente ricercato ma raffinato e elegante.