Tod’s primavera-estate 2020

Quanto è importante ancora il made in Italy nel mondo? Difficile trovare compiutamente una risposta guardando le sfilate che si stanno susseguendo a Milano. Sicuramente, Tod’s rimane, comunque, un nome emblematico nel proporre un modello di italianità da preservare e da esportare che fa dell’eleganza una qualità irrinunciabile. Per la primavera-estate 2020, andata in scena, come sempre, negli spazi del PAC-Padiglione d’Arte Contemporanea, il team interno continua a puntare sul design e sull’artigianalità ispirandosi allo stile italiano senza tempo dell’attrice Monica Vitti. Un’eleganza rilassata, quindi, di cui la pelle rimane un’immancabile protagonista, morbida come nappa, lavorata come se fosse pizzo, plissettata quasi a diventare un tessuto, tinta con effetti tie-dye per renderla vibrante o stampata in cavallino con fantasie animalier, per andare a costruire bomber leggeri, abiti dalla silhouette precisa e gonne al ginocchio da abbinare a mocassini comodi e ciabattine sofisticate. E se la strategia di Diego Della Valle, attualmente, prevede un lavoro di squadra dello staff (solo per il progetto T Factory, infatti, viene nominato temporaneamente un designer per seguire la capsule, come quella, recentemente, realizzata con Alber Elbaz) perché un direttore creativo “rallenta i progetti”, come ha dichiarato in passato, non è stata ancora sciolta l’indiscrezione secondo la quale Walter Chiapponi starebbe per essere nominato capo dell’ufficio stile. Quale sarebbe, però, esattamente il suo ruolo? L’ufficializzazione, comunque, sarebbe attesa alla fine di settembre. Quello che è certo è che dal 2016, anno in cui Alessandra Facchinetti ha lasciato il timone creativo della linea femminile, nessun altro ha preso il suo posto a definire un’identità precisa che possa attrarre, come nelle ambizioni dell’imprenditore marchigiano, “una clientela più giovane, che vive in Paesi che sono oggi i più forti acquirenti della moda e del lusso”. Qualche cambiamento si profila all’orizzonte? Per ora, il Gruppo Tod’s ha chiuso il primo semestre del 2019 con un fatturato pari a 454,6 milioni di euro (-4,7%) con il marchio ammiraglio dell’omonimo gruppo a quota 231,2 milioni.

Daniele S.

Back to top