Andrà da Dior? Intanto, la collezione pre-fall sarà completata dal team interno.

Is he headed to Dior? Meanwhile, the pre-fall collection will be completed by the internal team.

Alber Elbaz lascia Lanvin dopo 14 anni. Secondo indiscrezioni, la separazione dallo stilista israeliano sarebbero legate alle incomprensioni con la proprietaria Shaw-Lan Wang e il ceo, Michèle Huiban: sembra che avesse chiesto alla businesswoman taiwanese, che ha comprato la fashion house dalla L’Oréal nel 2001, di vendere la propria quota di maggioranza a un acquirente più strategico in grado di svilupparne meglio il potenziale.
“Nel momento in cui lascio Lanvin – ha scritto il creativo 54enne in un comunicato – per decisione del suo azionista di maggioranza, desidero esprimere il mio ringraziamento e un sentito pensiero a tutti coloro che hanno lavorato con me con passione per il rilancio di Lanvin nel corso degli ultimi 14 anni; esprimere il mio affetto a tutti i meravigliosi collaboratori degli atelier Lanvin che mi hanno accompagnato e che hanno arricchito e sostenuto il mio lavoro. Insieme abbiamo raccolto la sfida creativa di Lanvin, l’abbiamo riportata al suo spendore e ricollocata nella posizione che merita tra le case di moda francesi del lusso. Desidero inoltre esprimere la mia profonda gratitudine a tutte le clienti e amiche, alla stampa francese e internazionale e a tutti quei business partner che hanno collaborato con Lanvin sostenendoci dal 2001. Auguro alla maison Lanvin il futuro che merita tra i migliori marchi del lusso francese e spero che trovi presto un progetto imprenditoriale in grado di assicurarle il giusto slancio”.
A causa della mancanza di un progetto strategico e investimenti mirati, infatti, le vendite consolidate della società potrebbero scendere a circa 200 milioni di euro quest’anno dopo un picco di più di 250 milioni solo qualche anno fa. Inoltre, la griffe dipende per il 70 percento dai partner wholesale. Solo circa il 30 percento delle vendite proviene dal canale retail diretto. Ma Wang è riluttante: rilancia sul prezzo e vorrebbe scegliere un compratore che conosca bene.
E ora? La prossima collezione pre-fall sarà completata da un team interno. Ma quale futuro aspetta Alber Elbaz? Andrà da Christian Dior dopo l’uscita di Raf Simons? Il designer, che ha iniziato a lavorare come assistente di Geoffrey Beene a New York, è arrivato al successo da Guy Laroche nel 1996. È stato il successore di Yves Saint Laurent alla guida della collezione di prêt-à-porter YSL Rive Gauche prima di essere licenziato, dopo tre stagioni, quando la compagnia è stata rilevata dal Gucci Group ed è stato nominato Tom Ford. Quindi, Elbaz è stato per una stagione accanto a Krizia a Milano.
Nel 2011, l’ex direttore creativo era già entrato in trattativa come successore di John Galliano senza successo, però, a causa della sua partecipazione in Lanvin. Sarà stata venduta a seguito del divorzio?

ENGLISH VERSION

Alber Elbaz exits Lanvin after 14 years. According to rumours, the Israeli designer’s departure follows disagreements with the company owner Shaw-Lan Wang and CEO Michèle Huiban: he is said to have asked the Taiwanese magnate, who bought the fashion house from L’Oréal in 2001, to sell her majority stake to make way for a more strategic owner who could better capitalize on development potential.
“At this time of my departure from Lanvin,” wrote the designer, 54, in a statement, “on the decision of the company’s majority shareholder, I wish to express my gratitude and warm thoughts to all those who have worked with me passionately on the revival of Lanvin over the last 14 years; express my affection to all my wonderful colleagues in the Lanvin ateliers who accompanied me, and who enriched and supported my work. Together, we have met the creative challenge presented by Lanvin and have restored its radiance and have returned it to its rightful position among France’s absolute luxury fashion houses. I also wish to express my profound and deepest gratitude to all of the clients and friends, to the French and international press, and to all those business partners who collaborated with Lanvin, providing us with support since 2001. I wish the house of Lanvin the future it deserves among the best French luxury brands, and hope that it finds the business vision it needs to engage in the right way forward.”
Because of the lack of strategy and targeted investment, in fact, the company’s consolidated sales are expected to fall to around 200 million euros this year after a peak of more than 250 million euros only a few years ago. Moreover, the brand is dependent on its wholesale partners, which account for approximately 70 percent of revenues. Only about 30 percent of sales streams out the direct retail. But Wang is reluctant: she demands a high price and would choose a buyer well-known to her.
And now? The next pre-fall collection will be completed by the internal team. But what’s in Alber Elbaz’s future? Is he headed to Christian Dior after Raf Simons left the position? The designer, who got his start as Geoffrey Beene’s assistant in New York, reached global attention at Guy Laroche in 1996. He succeed Yves Saint Laurent at the helm of YSL Rive Gauche ready-to wear before being fired, after three seasons, when the company was bought by the Gucci Group and Tom Ford was named. Later, Elbaz did one season with Krizia in Milan.
In 2011, the former creative director already held discussions with Dior as successor of John Galliano but they did not progress due to his ownership stake in Lanvin. Is he selling it as part of his exit?

 

9 Responses to Alber Elbaz fuori da Lanvin / Alber Elbaz out at Lanvin

  1. Annalisa says:

    Ultimamente le collezioni di Alber Elbaz da Lanvin non erano salvo qualche caso così innovative preferendo replicare i successi del passato. Paradossalmente questo approccio potrebbe essere positivo da Dior.

  2. Andrea says:

    Alber Elbaz da Dior e Haider Ackermann da Lanvin.

  3. Salvatore says:

    E Lucas Ossendrijver? Seguirà Alber Elbaz?

  4. Nicola says:

    Olivier Theyskens da Lanvin.

  5. giulia says:

    C’è sempre la possibilità Riccardo Tisci da Dior e Alber Elbaz da Givenchy.

  6. Anonimo says:

    O Raf Simons da Lanvin.

  7. Matteo says:

    Lucas Ossendrijver potrebbe disegnare la donna.

  8. Valerio says:

    Dubito che Alber Elbaz vada da Dior dopo che ha espresso il suo pensiero su com’è diventato il fashion system.

  9. fendissima says:

    Non credo che Raf Simons sarebbe la scelta più indicata da Lanvin.