Outerwear protagonista della collezione autunno-inverno 2013-2014 del brand. Alla rassegna di Firenze il marchio punta sul capospalla natural chic nell’essenza, confortevole e funzionale nella sostanza. Imbottito, trapuntato e reversibile l’outerwear Capobianco veste l’inverno 2013/14 con versatilità.

Outerwear is the protagonist of the fall-winter 2013-2014 of the brand. At the fair in Florence the fashion house presents coats which are chic in their essence, comfortable and functional in their substance. Padded, quilted and reversible, Capobianco outerwear clothes fall-winter 2013-2014 with versatility.

Per affrontare il prossimo inverno Capobianco propone capispalla imbottiti e trapuntati che scelgono la reversibilità come tratto distintivo. Il compito di dare spazio alla “doppia anima” double face è affidato ai tessuti di felpa e di nylon, che danno corpo ad una rivoluzione di stile improntata all’understatement. Un’impronta che si legge anche nelle linee.
“La scelta di combinare nylon e felpa non è casuale – spiega Marco Lorenzi, titolare di Capobianco – ma nasce dal desiderio di realizzare dei capi molto comodi ma anche funzionali, capaci di vestire le molteplici esigenze imposte dalla quotidianità. Il comfort della felpa e la versatilità del nylon sono ideali per rispondere a queste necessità”.
Il risultato sono prodotti per l’outerwear chic ma mai formali, comodi e capaci di tratteggiare uno stile con garbo senza accodarsi alle mode. Mode che Capobianco definisce giocando sui dettagli e sugli accessori-corollario di ogni blouson o giacca: bordure e colli vengono così realizzati in lana/cashmere, mentre bottoni, alamari e pendenti di chiusura delle cerniere puntano sul corno naturale.
“Se la felpa sartoriale rimane il nostro elemento di riconoscimento – continua Lorenzi – anche la nostra attenzione ai dettagli e la cura nella realizzazione sono dei tratti caratteristici e definitivi del nostro modo di creare e realizzare una collezione. Grande attenzione viene dedicata proprio ai particolari che spesso valorizzano un capo o contribuiscono a renderlo riconoscibile come made in Capobianco”.

ENGLISH VERSION

To face next winter Capobianco proposes padded and quilted coats that have in reversibility their distinguishing trait. The task of expressing such a “double soul” is accomplished by two different materials, fleece and nylon, which achieve a style revolution marked by understatement. A mark that is visible in lines and cuts as well.
“The choice of combining nylon and fleece is not coincidental,” explains Marco Lorenzi, Capobianco’s owner, “but has its origin in the desire to create garments that are very comfortable, but also functional, capable of interpreting the different needs of everyday life. The comfort of fleece and the versatility of nylon are excellent in order to fulfill such needs.”
The result is a series of outerwear pieces which are chic, but never too formal, comfortable and capable of conveying a well-mannered style, without slavishly following trends. Instead, Capobianco defines trends by playing with the details and the accessories of each blouson or jacket: hems and collars are made of wool/cashmere, while buttons, frogs and zipper pendants are made of natural horn.
“Although the sartorial sweatshirt is our distinctive feature,” goes on Lorenzi, “our attention to detail and care in production are also distinguishing traits of our way of creating and producing a collection. Great attention is devoted to the very details that often increase the value of a garment and help make it recongnizible as made in Capobianco.”

 

Comments are closed.