Il lancio della capsule collection è atteso per l’inizio di luglio.

The launch of the capsule collection is expected in early July.

Sarà svelata il 1 luglio la capsule collection per il prossimo autunno-inverno disegnata da Romeo Gigli per il retailer giapponese Joyce. La linea, chiamata “Joyce by Romeo Gigli”, si compone di 35 capi per donna e 20 per uomo che saranno venduti all’interno della rete Joyce, dal 24 luglio a Hong Kong e Pechino e ad agosto a Shanghai. Nello stesso mese è in programma anche l’apertura di un temporary store a Venezia. Si tratta della prima iniziativa retail europea del gigante di Hong Kong della distribuzione di lusso. La boutique sarà attiva per un anno. Una più ampia proposta è prevista per la primavera-estate 2013.
“Per me, è come ritornare felicemente alle origini” ha dichiarato lo stilista italiano, famoso tra gli anni ’80 e la fine degli anni ’90, che ristabilisce così i legami con uno dei suoi clienti storici in Asia.
“C’è una lussuosa sensualità – ha sottolineato Andrew Keith, presidente di Joyce – nel lavoro di Romeo che unisce una fragilità romantica con strutture architettoniche, dando vita a forme che riteniamo uniche. È per questo che Gigli è ancora influente nel settore moda”.
L’ultima avventura imprenditoriale di Romeo Gigli, dopo aver lasciato la sua azienda nel 2004 e aver perso il diritto di utilizzare il proprio nome, risale al 2009, quando, insieme a diversi investitori ha dato vita al marchio “Io Ipse Idem”, sparito dal mercato nel giro di due stagioni, seguita dalla creazione di XII XII XLIX par Romeo Gigli, in riferimento alla sua data di nascita, 12 dicembre 1949, che, però, anch’essa non ha riscosso il successo sperato. Se, in entrambi i casi, la responsabilità è da imputare principalmente ai soci finanziari troppo deboli economicamente, questo non sembra essere decisamente il caso di Joyce.

 

Comments are closed.