L’accordo è stato finalmente raggiunto: il fondatore di Theory ha comprato la quota di Permira nel brand americano.

The deal is finally done: Theory founder bought Permira’s stake in the American brand.

Dopo più di un anno di negoziazioni, Permira ha finalizzato la vendita della sua partecipazione azionaria in Proenza Schouler a un gruppo di 20 investitori newyorkesi guidati dal fondatore di Theory Andrew Rosen e da John Howard che hanno investito tra i 10 ai 20 milioni di dollari.
Come si legge in una nota ufficiale rilasciata dal marchio americano, questa partnership corrisponde a una “ricapitalizzazione” che permetterà ad esso di “entrare in una nuova fase di sviluppo”. Valentino Fashion Group continuerà a detenere, comunque, una quota minoritaria in Proenza Schouler pari al 5%.
“Siamo molto grati a Valentino Fashion Group – hanno dichiarato i direttori creativi Jack McCollough e Lazaro Hernandez in un comunicato congiunto con il ceo Shirley Cook – per averci supportato all’inizio consentendoci di arrivare ad essere quello che siamo oggi. Ci sono molti altri traguardi che vorremmo raggiungere e John e Andrew sono il completamento perfetto che ci aiuterà a realizzare i nostri sogni”.
“Guardando lo stato attuale della moda americana – hanno commentato Rosen e Howard – notiamo come le nuove generazioni puntino ad occupare uno spazio di primo piano nel mondo contemporaneo. Crediamo che il business di Proenza costituisca il futuro del lusso americano, con tutte le carte in regola per competere in un mercato globale dominato in questo momento dagli stilisti europei. Con le nostre risorse e la nostra esperienza, posizioneremo il brand in modo da sviluppare tutto il suo potenziale”.
Come era già accaduto per Rag & Bone, Gryphon e Alice + Olivia, Rosen ha investito personalmente anche in Proenza Schouler e non attraverso Link Theory Holdings a cui fa capo Theory.
Oltre all’abbigliamento donna, l’azienda produce una linea di borse e una scarpe, in licenza con Vicini Spa. Il nome del marchio deriva dal nome delle madri dei fondatori.

 

Comments are closed.