Atmosfere da vacanza, la rilassatezza dell’estate, la scoperta di luoghi esotici, la ri-scoperta di posti familiari e rassicuranti. L’immagine di una diva anni ’70 che, con disinvolto glamour, passa dalle frivole e sofisticate passeggiate di St. Tropez alla natura sgargiante della Polinesia rievocando con romanticismo le figure e i colori dei dipinti di Gauguin.
Sottili tuniche rigate, piccoli blazer di maglia destrutturati rivisti nei volumi, maxipantaloni in canvas di cotone, il “bianco e blu”: il classico stile marina si abbina a esotici pepli monospalla, ad ampi abiti kaftano pennellati con disegni astratti e a pittoriche decorazioni floreali.
Tocchi di eccentricità che non scompongono la estrema linearità e pulizia delle silhouette. La maglieria rimane la protagonista assoluta, arrivando a sostituire anche gli elementi sartoriali formali. La collezione privilegia costruzioni morbide e avvogenti. Micro pull e bustini si annodano a cache-cœur, quasi come parei, su gonne lunghe, fluide e drappeggiate in georgette tabacco o nero, oppure, più lineari, in cotone a righe-materasso tabacco e blu o, ancora, a tinta unita taupe o perla.
Reggiseni e costumi da bagno, in maglia lavorata a micro balzine, risaltano in sgargianti tonalità lime, arancio e fragola sotto tuniche di mussola di cotone e maglie con punti uniti da un sottile crochet di seta nero.
Negli stessi colori, come gelati e sorbetti, anche gli accessori: sandali zeppa e borse intrecciate a mano.
Catene di ottone uniscono pannelli di maglia a punto treccia nei capi più speciali e costruiti, che rimangono comunque estremamente leggeri e fluidi, così come gli abiti da cocktail in punto torchon traforato, spalmati ad effetto bronzo.

 

Comments are closed.