Il brand fiorentino rafforza la sua presenza in Spagna mentre quello milanese continua la sua espansione in Germania.

The brand from Florence strengthens its presence in Spain while the brand from Milan continues its expansion in Germany.

Salvatore Ferragamo consolida la sua presenza in Spagna con l’inaugurazione di una boutique a Valencia. Il capoluogo della Comunidad Valenciana, terza città iberica per numero di abitanti, ospita, infatti, il nuovo store della maison fiorentina, caratterizzato da quattro vetrine che si affacciano in parte su calle del Poeta Querol e in parte su calle de Salvà.
Sviluppato su una superficie di vendita di oltre 150 metri quadrati distribuiti su un unico livello, è strutturato come un open space suddiviso in varie aree dedicate alle diverse categorie di prodotto fra cui ready-to-wear e calzature maschili e femminili ma anche borse, occhiali, profumi, accessori in pelle e da viaggio. L’atmosfera è sobria ma elegante, con giochi di luce che valorizzano i prodotti esposti.
Il Gruppo Ferragamo è presente nel Paese con vetrine monomarca a Madrid, Barcellona e Puerto Banus, oltre che in cinque shop-in-shop nella capitale, a Barcellona e a Marbella.

Prada, d’altra parte, rafforza la sua presenza in Germania con un nuovo punto vendita a Francoforte, al 9 di Goethe strasse.
Lo spazio, disegnato da Roberto Baciocchi, si estende su una superficie di 250 metri quadrati disposti su due piani e presenta una facciata con un fronte vetrine che incornicia l’ingresso ad angolo: grazie alla scelta di materiali come il metallo bronzato e il marmo nero venato si inserisce armoniosamente nel contesto architettonico del palazzo.
Il piano terra, che ospita le collezioni borse e accessori, maschili e femminili, è caratterizzato dall’immancabile pavimento in marmo a scacchi bianco e nero e la tradizionale tela color verde che ne riveste le pareti. Salendo al piano superiore, dove sono esposte le collezioni di abbigliamento e calzature, si viene accolti in un ambiente con ampie vetrate e arredi in cristallo e acciaio lucido.
Di particolare rilievo, la vetrina ‘Quadreria’ creata da Prada per la stagione autunno-inverno 2010-2011 nei suoi negozi monomarca nel mondo.
L’originale installazione si ispira a una stanza da collezionista e, al tempo stesso, a un’estetica espositiva tipica degli anni ’50 e ’60. Le immagini della campagna pubblicitaria sono esposte iconograficamente, talvolta ingrandite, in piccoli lightbox su pannelli ricoperti di tela di juta colorata.
Le sottili cornici in ferro cerato frazionano il racconto lasciando allo spettatore un personale spazio interpretativo. Il tutto in un’atmosfera rilassata e di forte eleganza.
La boutique, la sesta in Germania, si va ad aggiungere a quelle di Berlino, Düsseldorf, Amburgo e Monaco (a Residenz strasse e Neuhauser strasse).
Intanto, il gruppo capitanato da Patrizio Bertelli ha completato l’acquisizione di Car Shoe, rilevando il rimanente 45% dall’imprenditore toscano Antonio Moretti che possiede, oltre alla catena di abbigliamento Modi & moda e i marchi Arfango e Bonora, anche l’azienda vitivinicola Tenuta Setteponti. Bertelli, nove anni fa aveva deciso di entrare nel capitale della società di calzature nata nel 1963 con il 51% di quote e due anni fa era salito al 55%.
Il deal, concluso lo scorso giugno, rivela la volontà della fashion company italiana di puntare sul “potenziale di sviluppo del marchio sullo scenario internazionale. A conferma di questa strategia di espansione sui mercati esteri – spiega un portavoce di Prada – è da segnalare l’opening Car Shoe dello scorso marzo a Singapore, che sarà seguito dall’inaugurazione di un punto vendita dell’insegna, il prossimo ottobre, presso lo shopping mall Elements di Hong Kong, dove sono già attivi shop Prada e Church’s”.
Nel 2008, Car Shoe aveva registrato un fatturato di circa 34 milioni di ricavi che va ad aggiungersi agli altri brand del gruppo, Prada, Miu Miu e Church’s, che hanno fruttato ai coniugi Bertelli solo nel primo semestre 2010 ben 930 milioni di euro.

 

Comments are closed.