Revival minimalista: dopo il successo delle due precedenti collezioni +J, la stilista tedesca ha annunciato che continuerà a disegnare la linea per la catena giapponese di fast fashion.

Minimalists rejoice: following the success of her two previous +J collections, the German designer has announced that she will continue to design the range for the Japanese high street giant.

Quella che poteva fermarsi a una collaborazione one shot si trasforma in un’intesa a tempo indeterminato. L’alleanza tra il gruppo giapponese Fast Retailing Co. Ltd. e la stilista tedesca Jil Sander che da due stagioni si occupa della collezione “basic-contemporary” +J, in vendita nella catena Uniqlo di proprietà del retailer, è stata rinnovata senza data di scadenza.
La designer, famosa per la sartorialità classica, l’uso di tessuti di pregio e lo stile minimalista, ha rivelato che produrrà una terza collezione +J, che verrà lanciata in autunno e che sta considerando la possibilità, in futuro, di aggiungere alla gamma dei prodotti, attualmente focalizzati sull’abbigliamento maschile e femminile, anche accessori come borse e scarpe.
“Poiché sono molto, molto impressionata da quel che possiamo fare e da quel che Uniqlo è in grado di fare – ha dichiarato Jil Sander – ho deciso di continuare. Perciò per il momento sono a tempo indeterminato”.
Dopo aver firmato il proprio contratto più di un anno fa, la ex stilista di ready-to-wear, diventata famosa negli anni Novanta, all’epoca in cui l’elegante stile minimalista la faceva da padrone nel mondo della moda, con la griffe che porta il suo nome lasciata nel 2004 in seguito a dissidi con il gruppo Prada, allora proprietario del marchio, ha già prodotto due collezioni +J, costituite da pezzi in puro stile Jil Sander, quali cappotti invernali classici, gonne a pieghe dalla forte sartorialità e camicie di freschissimo cotone, che sono state un autentico successo da un punto di vista critico e commerciale facendo quasi il tutto esaurito.
Quando la stampa annunciò l’accordo tra Jil Sander e Uniqlo, si disse che la stilista avrebbe supervisionato il design di tutti i capi uomo e donna ma, fino ad ora, si è concentrata esclusivamente sulla fortunata linea +J.
“Sono molto contenta che ascoltino, che capiscano, che vadano avanti – ha concluso Jil Sander – è quasi una questione di destino”.
La creativa ha recentemente ricevuto un award come Designer of the Year dal Fashion Editors Club giapponese, rompendo una tradizione in base alla quale vengono premiati solo i nomi locali.
Uniqlo, intanto, ha annunciato il lancio di una nuova capsule collection griffata per la primavera-estate 2010 . Alla lunga lista di designer che hanno prestato la propria creatività alla catena giapponese low budget si aggiunge un duo newyorkese molto amato dalle star: Costello Tagliapietra.
All’origine della partnership tra Uniqlo, Jeffrey Costello e Robert Tagliapietra c’è un forte e concorde apprezzamento per uno stile moderno, pulito e puro. Sono nati, quindi, 14 modelli, declinati in un range di tonalità differenti, dal blu al beige, che interpretano al meglio la femminilità dei due stilisti e vanno incontro alle esigenze di un target giovane e amante delle novità low cost.

 

Comments are closed.