Il designer britannico è stato trovato morto nella sua casa di Londra. Aveva 40 anni.

British fashion designer has been found dead after taking his own life. He was 40 years old.

Lo stilista britannico Alexander McQueen è morto suicida nella sua casa di Londra nel quartiere di Green Park. Lo conferma il suo studio con un comunicato che recita “è una tragica perdita. Al momento non rilasciamo dichiarazioni anche in rispetto della sua famiglia”.
Il corpo è stato rinvenuto alle 10 di questa mattina. Pare che il designer fosse caduto in una profonda depressione a seguito della morte della madre Joyce, avvenuta solo una settimana fa.

Nato nel 1969 in Inghilterra, il più giovane di sei figli di un taxista dell’East End londinese, aveva lasciato la scuola all’età di 16 anni per entrare subito nel mondo del lavoro. Dopo aver lavorato come apprendista a Savile Row, prima presso i sarti Anderson & Sheppard, grazie ai quali ha affinato le sue abilità sartoriali, poi per Gieves & Hawkes e per i celebri costumisti teatrali Angels e Bermans, a 20 anni si è trasferito a Milano per lavorare per Romeo Gigli. Nel 1992 è tornato a Londra per completare la propria formazione presso la prestigiosa Saint Martin’s School of Art. La sua consacrazione è avvenuta, però, con l’apertura del primo negozio con la sua etichetta nell’East End di Londra.
Assunto nel 1996 come direttore creativo di Givenchy al posto di John Galliano, dove, fra alti e bassi, è rimasto fino al 2001, ha lasciato la maison per dedicarsi alla sua linea entrata nell’orbita del Gucci Group che gli ha permesso di espandere la propria produzione aprendo nuove boutique a Londra, Milano e New York e lanciando sul mercato il profumo Kingdom. Nel 2003 ha collaborato con la Puma per la realizzazione di una linea di scarpe da ginnastica.
Il suo suicidio segue di tre anni quello della sua mentore, l’editrice Isabella Blow.
Il designer lascia una grande vuoto nel mondo della moda: il suo nome era diventato un punto di riferimento per tutti gli stilisti dopo la sfilata-evento dello scorso settembre e le sue creazioni erano divenute un must per icone pop come la cantante Lady Gaga.
Lo stilista il 9 marzo, in occasione della settimana della moda francese, avrebbe dovuto sfilare con la sua nuova collezione.
 

12 Responses to Alexander McQueen muore suicida / Alexander McQueen commits suicide

  1. fendissima says:

    Non riesco a crederci.

  2. Miki says:

    E' davvero una grande tragedia.

  3. Matteo says:

    Sono totalmente shockato. Perdere un talento come lui è veramente terribile. Addio Lee.

  4. Salvatore says:

    Non so cosa pensare. Un talento inimitabile.

  5. Dudù says:

    Mamma mia… scioccante… spero che per una settimana almeno non sfili nessuno.

  6. giulia says:

    Ho appreso la notizia mezz'ora fa. Io e una mia collega ci siamo abbracciate. Una perdita incolmabile. L'unica consolazione è che il suo lavoro resterà per sempre nella storia della moda.

  7. ale says:

    Provo una profonda tristezza.Spero che la sfilata del 9 Marzo sia già stata messa a punto. Sarà un modo emozionante per salutarlo nuovamente.

  8. freak bitch says:

    Era uno dei miei stilisti preferiti. Sono triste e senza parole. Il mondo della moda non sarà più lo stesso e nemmeno la fashion week parigina.

  9. J'adore Dior says:

    Sembra incredibile. McQueen era un genio.

  10. Giacomo says:

    Non lo dimenticheremo mai.

  11. Edward Phelan says:

    Sarà perché recentemente mi sono trovato a doverne affrontare una in prima persona, ma queste tragedie mi lacerano profondamente. Questa, in particolare, mi ha sconvolto. Non mi sembra vero: solo qualche settimana fa eravamo qui a discutere di quanto fosse bella la sua sfilata uomo autunno-inverno e ora lui non c'è più…

  12. Alexis Colby says:

    Tutto il mondo della moda è rimasto senza parole davanti a una terribile tragedia come questa. Il lavoro di Alexander McQueen continuerà a vivere attraverso i suoi capolavori e il suo ricordo sarà tenuto sempre vivo da coloro i quali hanno avuto la fortuna di conoscerlo.