Una collezione calda, confortevole, forte nella densità dei colori e nel pregio dei tessuti. Il panorama ideale entro cui nasce l’ispirazione è la sterminata campagna della Grande Madre Russia dei racconti epici di Pasternak, con gli aristocratici che ritornano alle loro dimore abbandonate, sontuose e un po’ decadenti. Se il Dottor Zivago è testimone di uno straordinario cambiamento epocale, l’uomo di Carlo Pignatelli Outside per l’autunno-inverno 2010-2011 si fa interprete di una svolta di costume, che ha il suo leit motiv nella ricerca di un’eleganza sobria e calibrata.
Cappotto e montgomery diventano i must di stagione. I capispalla in montone e panno schiacciato si fanno ampi, oversized, per affrontare il gelo delle steppe; le spalle sono importanti, i dettagli rubati dalle divise della Prima Guerra Mondiale. Non può mancare la sciarpa, accessorio che non solo protegge e decora il collo, ma che sa diventare copricapo, fusciacca, modulata in tessuti e colori differenti.
Artigianalità e sartorialità sono i veri must. Espressi innanzitutto negli accessori: guanti in nappa, ombrelli bordati di piume, copricapi in pelliccia e in feltro, ghette in vitello da cosacco. Non meno che negli abiti, rifiniti con fettucce, gros grain, bottoni in corno e metallo sulle giacche chiuse, alte sul collo, a proteggere dal freddo e ad accentuare il rigore.
Il pregio e la valenza dei tessuti è frutto di sapenti alchimie che mischiano fibre nobili e texture tecniche, lane spalmate con finissaggi speciali antivento e antigoccia; il cashmere è laminato e doppiato di nappa lavata; qua e là si scorgono decorazioni che ricordano carte da parati d’antan.
I colori appartengono alla terra, a quella terra: verde, dal bottiglia, al salvia, al ginepro; marrone che sfuma nell’ambra, nel bruciato, nel cioccolato; nero che trascolora nel carbone, nel grigio, nell’antracite, nel torba.
Una traccia irresistibile di vitalità si coglie in un eclettismo di stili che rimanda agli anni Settanta e al flower power di “Sergeant Pepper Lonely Hearts” dei Beatles: mix up di colori classici e naturali con nuances accese come il verde erba, il senape, il bordeaux, con accostamenti azzardati ma avvincenti di fantasie e tessuti: PVC e lana cotta, jersey e laminato bronzo ad effetto “domopak”.



 

Comments are closed.