Prada ha smentito categoricamente che siano in corso trattative per la cessione di alcuna quota a Richemont.

Prada has vehemently denied any negotiation whatsoever to sell any share to luxury conglomerate Richemont.

Prada non è in trattative con la società ginevrina Compagnie Financiere Richemont per cedere una partecipazione, secondo quanto riferito da un portavoce della maison italiana.
“La società in maniera categorica nega la vendita di una quota a Richemont. Non esiste alcun negoziato”.
Secondo il New York Post la griffe milanese sarebbe vicina ad un accordo per la cessione di circa un terzo del capitale, controllato dalla famiglia della stilista Miuccia Prada, a Richemont. Intesa Sanpaolo detiene una quota del 5%. Il gruppo svizzero dovrebbe ottenere una “quota passiva” secondo i termini dell’accordo, che è ancora soggetto a complesse negoziazioni.
Inoltre, insider vicini alle società ritengono che Richemont potrebbe anche acquisire il controllo di Prada con una quota di maggioranza. L’operazione, spiega il giornale, creerebbe un leader globale nel lusso che potrebbe competere con LVMH e PPR.
Richemont, sempre secondo quanto riportato dal New York Post, non ha voluto commentare la notizia.
Già in agosto, erano circolate voci sulla stampa italiana di contatti con Richemont, gruppo dell’imprenditore sudafricano Johann Rupert a cui fanno capo, tra gli altri, brand come Cartier, Van Cleef & Arpels, Jaeger-LeCoultre, Piaget, Vacheron Constantin, Montblanc, Alfred Dunhill, Chloé, IWC, Baume & Mercier, Azedine Alaia, A. Lange & Söhne, Officine Panerai, Lancel, Roger Dubuis, Purdey e Shanghai Tang, per la cessione di una quota del 30%. Anche in quell’occasione, l’azienda guidata da Patrizio Bertelli aveva smentito ufficialmente. Verso fine agosto Prada ha trovato un accordo con le banche per un’estensione dei termini di pagamento al 2012 di 450 milioni di euro di debiti di cui 100 scaduti a fine luglio e 350 in scadenza nel luglio del 2010. Il debito totale del gruppo, secondo voci stampa, si aggira su 1,1 miliardi di euro.

 

Comments are closed.