Fratelli Rossetti si espande a Oriente inaugurando un nuovo spazio a Hong Kong, Boggi amplia il negozio milanese di piazza San Babila e Brioni continua la sua espansione retail aprendo a Istanbul.

Fratelli Rossetti ha siglato un accordo con Fairton International Company Ltd per avviare il processo di espansione nell’area cinese. Grazie a questa partnership, il calzaturificio di Parabiago prevede di aprire 12 punti vendita in 5 anni nella Repubblica Popolare Cinese, Hong Kong e Macao. Il primo negozio è già stato inaugurato a Hong Kong.
“Il marchio Fratelli Rossetti – spiega Diego Rossetti, consigliere delegato dell’azienda – si è affermato in molti paesi grazie allo stile e alla qualità dei propri prodotti, diventando uno dei marchi più rappresentativi del made in Italy nel mondo. Con questa stessa prospettiva miriamo ad entrare nel mercato asiatico, dove i consumatori sono sempre più sensibili alla cultura della qualità”.
L’obiettivo di questa realtà tra le più note al mondo nelle calzature made in Italy, fondata nel 1953 da Renzo Rossetti e oggi guidata dai figli Diego, Dario e Luca, è di rafforzare la propria posizione sui mercati esteri, dove è già presente con 16 monomarca, localizzati nelle più importanti metropoli internazionali.

Si allarga, invece, lo store di Boggi in piazza San Babila, a Milano. Allo storico spazio nella galleria del Toro sono stati aggiunti altri 300 metri quadrati di vendita, arrivando così a 500 metri quadrati totali con 12 vetrine.
“Questo è il giusto flagship store del marchio Boggi” ha detto Carlo Zaccardi, ceo del brand, soddisfatto davanti all’ingresso della boutique rinnovata. Le collezioni di abbigliamento, scarpe e accessori si mescolano agli arredi dal design classico ma sempre attuali, con banconi bassi e mobili in palissandro quasi a scomparsa, per lasciare grande visibilità ai prodotti.
L’etichetta il cui punto di forza è sempre stato l’ottimo rapporto qualità/prezzo oltre che una dedizione massima al cliente, che dal 2003 fa capo al gruppo Brian&Barry, lo scorso marzo ha tenuto a battesimo il suo primo punto vendita londinese, in Jermyn street, accanto alla storica griffe inglese Dunhill e ora fa il bis nella capitale britannica con uno spazio di 340 metri quadrati al 28 di Sloane square che presenta due vetrine sulla piazza e quattro nella galleria interna. L’allestimento propone il nuovo concept dei monomarca dello storico marchio milanese, raffinato ed elegante ma contemporaneamente funzionale, essenziale e particolarmente accessibile alla clientela, grazie a una serie di banconi bassi che lasciano toccare e intravedere tutta la collezione.
L’inaugurazione fa parte della strategia retail che, negli ultimi mesi, ha portato ad aperture in Svizzera, Grecia, Libano, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Bahrain, Kuwait e India. Il numero totale dei negozi Boggi in Italia ammonta a 44. Il multibrand Brian&Barry conta invece 23 punti di vendita.

Brioni, infine, ha aperto a Istanbul, in Turchia, una delle città più attive dal punto di vista dello sviluppo economico, un negozio nella prestigiosa area del lusso Nisantasi al 17 di Abdi Ipekci Caddesi. Il nuovo monomarca, 160 metri quadrati dedicati all’uomo, è stato pensato per rispondere alla crescente domanda da parte del mercato europeo e medio-orientale, mettendo a disposizione non solo la collezione ready-to-wear ma anche e soprattutto un servizio di sartoria Su Misura.
“Aver inaugurato il punto vendita di Istanbul – ha affermato Andrea Perrone, CoCeo del Gruppo Brioni – è per noi motivo di profondo orgoglio e la conferma che la nostra clientela sempre più apprezza l’eccellenza sartoriale dei capi Brioni. Negli ultimi due anni abbiamo aperto 20 punti vendita e stiamo lavorando affinché questo trend continui nel prossimo futuro”.
Nel corso dell’anno sono previsti opening a Shanghai, Beirut e Lugano.

 

Comments are closed.