Il sondaggio, denominato Luxury Brand Status Index, che si svolge annualmente ed è uno strumento stimato e consolidato per valutare la qualità dei brand del lusso nel mercato americano ha stilato la classifica 2009 nel campo dell’abbigliamento maschile, femminile e degli accessori.

La casa di moda Salvatore Ferragamo ha ottenuto il riconoscimento “Best of the Best” per il 2009 nella categoria delle calzature maschili. Il titolo è stato conferito da parte del prestigioso Luxury Institute di New York in seguito ad un sondaggio denominato Luxury Brand Status Index condotto annualmente dall’ente di ricerca americano che si occupa dell’analisi di prodotti di fascia alta e rivolto ad un target di consumatori selezionati per valutare la qualità dei luxury brand presenti nel mercato statunitense. Quest’anno la Salvatore Ferragamo ha totalizzato un punteggio di 7.63 (su un potenziale di 10.00) basato su 4 fattori di giudizio: qualità superiore, unicità ed esclusività del marchio, soddisfazione del consumatore nell’esperienza d’acquisto e clientela selezionata.
La maison fiorentina ha accolto con soddisfazione la notizia che premia un impegno costante nella ricerca qualitativa e stilistica. Le calzature maschili Ferragamo, infatti, sono note per l’altissimo livello di comfort e di tenuta della forma, per l’utilizzo di costruzioni e procedure di lavorazione ricercate, come la Tramezza, che richiedono tecniche artigianali lunghe e complesse senza dimenticare la possibilità di personalizzazione del prodotto made-to-order, per accogliere sempre più le esigenze del consumatore.

La tendenza del comparto maschile di Salvatore Ferragamo, che comprende prêt-à-porter, scarpe e accessori in pelle, seta, profumi e occhiali, è quella di una crescita progressiva e costante su tutti i mercati, che non lamenta cali evidenti nell’attuale periodo di crisi.
A proposito di abbigliamento, invece, le griffe migliori sono risultate Ermenegildo Zegna per l’uomo e Hermès per la donna. Nella classifica figurano per il settore maschile al primo posto Ermenegildo Zegna, con 7.89 punti, seguito da Canali, 7.81 e da Armani, 7.59; per quello femminile, al contrario, svetta Hermès con 7.92 punti, seguito da Balenciaga, 7.84 e da Prada (7.78).

E la vostra classifica personale?
 

16 Responses to Zegna, Hermès e Salvatore Ferragamo ai vertici nei sondaggi del Luxury Institute

  1. diorino says:

    Uomo: 1) Giorgio Armani, 2) Moschino, 3) PradaDonna: 1) Hermès, 2) Dior, 3) Roberto CavalliAccessori: Prada

  2. fendissima says:

    Per l’uomo1) Prada2) Jil Sander3) Giorgio ArmaniPer la donna1) Missoni2) Miu Miu3) ChanelPer gli accessoriTod’s

  3. giulia says:

    DONNA1. Prada2. Fendi3. Alberta FerrettiUOMO (pensando al mio)1. Dolce & Gabbana2. Giorgio Armani3. Ermenegildo ZegnaACCESSORIMiu Miu (per donna)Tod's (per uomo)

  4. nicola says:

    Uomo: 1) Dolce & Gabbana, 2) Calvin Klein Collection, 3) PradaDonna: 1) Pucci, 2) D&G, 3) BlumarineAccessori: hogan

  5. gt says:

    uomo: 1) ralph lauren; 2) burberry; 3) prada;donna: 1) giorgio armani; 2) dolce & gabbana; 3) missoni;accessori: cesare paciotti.

  6. Valerio says:

    I can see someone is back…Anyway my chart is:Uomo:1. Ann Demeulemeester2. Giorgio Armani / Prada3. MoschinoDonna:1. Giorgio Armani2. Miu Miu3. Dolce & Gabbana

  7. gt says:

    Sure I’m back. How you doing man?

  8. Valerio says:

    @ Alexis & EdwardFYI: Ieri sono stato a Westfield in London e mi sono reso conto che Valentino e Missoni sono in procinto di aprire uno store nel centro commerciale. Credo che tra poco meno di un mese ci sara' l'inaugurazione… Se riesco vi mando qualche foto.@ GTVery good mate but still searching for the 2 "FAMOUS" emails but no sign…

  9. Dudù says:

    DONNA:Giambattista ValliValentinoFendiPradaUOMO:PradaJil SanderFendiDolce & Gabbana

  10. Dudù says:

    Comunque, no, Armani non si può sentire

  11. giulia says:

    Mi prendo la libertà di affermare (poi magari Edward chiarirà il significato della sua domanda al termine del post) ma io nella mia classifica ho tenuto conto delle mie preferenze tra i brand più venduti, della esperienza di shopping (quindi in un monomarca) e degli altri parametri utilizzati dal Luxury Institute.Alla luce di questo, caro Dudù, direi che Giambattista Valli è da escludere, Fendi uomo che terminerà con la prossima stagione non è tra i marchi maschili più venduti e lo stesso si può dire per Valentino, almeno in questo momento di transizione (nei negozi ci sono ancora pezzi della Facchinetti e di Pozzoni insieme ad altri di collezione e gli accessori di Chiuri e Piccioli).Se ho inteso bene, almeno mi è parso di capire dagli interventi degli altri commentatori, io cambierei la classifica.Parlando di preferenze, anche sulla carta, credo che le nostre classifiche sarebbero diverse.

  12. Edward Phelan says:

    Confermo che i parametri di giudizio sono:- qualità superiore, – unicità ed esclusività del marchio, – soddisfazione del consumatore nell’esperienza d’acquisto- clientela selezionataOvviamente la domanda non ha un valore statistico attendibile perché il nostro campione non è sufficientemente ampio. Inoltre ha poco senso valutare la soddisfazione del consumatore nell’esperienza d’acquisto di abiti femminili per un lettore del sito che sia uomo (a meno che non si faccia regolarmente spese di abbigliamento femminile). Naturalmente vale il viceversa e il discorso si estende agli accessori.

  13. Dudù says:

    Ah, io ho tenuto conto solo del mio gusto e di ciò che io ritengo di qualità superiore… anche perchè mi sembra inutile redigere una classifica senza aver fatto un’indagine. Tutte le classifiche che ci sono inoltre sono una diversa dall’altra e l’unica ufficiale è quella del Luxury Institute… ecco perchè ho fatto d testa mia. Se ho sbagliato qualcosa faccio mea culpa

  14. giacomo says:

    @ Dudù: quale Valentino? quello by Alessandra Facchinetti?

  15. Dudù says:

    @Giacomo: Valentino lo seguo da prima di Alessandra, durante Alessandra e dopo alessandra… Alessandra doveva rimanere nella maison: spettacolari le sue creazioni… però valentino e Valentino e continua a piacermi (per il prossimo inverno mooooooolto meno, nella couture molto)

  16. giacomo says:

    Dopo Alessandra il buio totale, almeno per ora… per quanto si dica che la collezione Valentino by Facchinetti non abbia avuto grande successo commerciale.