Ricavato in una ex-chiesa accanto alla basilica del Carmine, un grande contenitore specchiante situato al centro della navata senza alcun reale impatto sul sito architettonico unisce tradizione e innovazione per un locale eccentrico ed avveniristico che interpreta perfettamente il dna della maison fiorentina.

Negli spazi di una ex chiesa attigua alla basilica del Carmine, nel centro storico di Firenze, Roberto Cavalli inaugura il primo Cavalli Club, un locale che interpreta una nuova concezione della vita notturna. Si tratta infatti di un ambiente che cambia a seconda delle ore: da bar si trasforma in ristorante dalla cucina moderna ma è stato ideato anche come luogo per ospitare spettacoli, diventare una discoteca o per ascoltare musica in compagnia.
Nel segno eccentrico della maison, lo stilista si è ancora avvalso dell’architetto Italo Rota, già autore del Just Cavalli Café a Milano.
Il locale, ristrutturato dal designer fiorentino, è stato progettato con una nave planata al centro della navata, in oro e acciaio, senza toccare pareti o soffitto. L’allestimento non incide sul contenitore architettonico in quanto poggia sul pavimento e potrà essere smontato all’occorrenza. “Ho voluto fare un regalo a Firenze, la mia città recuperando e restaurando, fino a riportarlo agli antichi splendori, un vero gioiello: la ex chiesa accanto all’amata basilica del Carmine – ha affermato lo stilista – che conserva gli affreschi di Masaccio nella Cappella Brancacci”. E anche in questo caso Cavalli ha saputo firmare l’impronta del locale. “Siccome il passato mi piace sempre mescolarlo col futuro, unendo tradizione e innovazione, dentro ci ho costruito un locale avveniristico, che a Firenze proprio mancava”. In futuro sono previste nuove aperture a Milano, Dubai e New York.

 

One Response to Cavalli Club: un nuovo concept per la vita notturna

  1. diorino says:

    Una perla architettonica.