Stelline dorate, fiocchi giganti e palle multicolori. Il senso artistico, l’ispirazione e l’estro di personaggi noti che in questi anni con la loro sensibilità hanno contribuito a rendere “Il Natale dei cento alberi d’Autore” unico e inimitabile facendo crescere questo progetto di crescere al di là di ogni previsione. Moda, design, sport e spettacolo festeggiano insieme all’ideatore Sergio Valente quindici anni di lavoro a sostegno della solidarietà con un nuovo impegno a favore dei bambini.

Ritorna anche quest’anno l’interessante e stiloso appuntamento con “Il Natale dei Cento Alberi d’Autore” di Sergio Valente, la manifestazione che vede protagonisti tanti designer, note aziende, celebrità, personaggi del mondo dello spettacolo, del cinema e dello sport impegnati a realizzare straordinari e particolarissimi alberi di Natale per sostenere insieme una buona causa. L’iniziativa ha una storia di ormai 15 anni ed è stata partner di diverse cause di beneficenza, sostenendo molte associazioni no profit italiane.
“Nel 1994, ero a New York per lavoro – ha spiegato Sergio Valente – e sono stato invitato a un evento benefico all’Hotel Pierre. L’allestimento scenografico era fatto di abeti spogli. Ed è lì che è nata l’idea di vestire gli alberi”. Da allora il visagista che, da sempre, coniuga la sua fervente attività lavorativa con l’impegno sociale, ha sfruttato i suoi contatti nel mondo della moda e dello spettacolo per creare una rete di solidarietà: chiede ai suoi amici stilisti e non di concepire idee originali per gli alberi di Natale, tutti di un’altezza compresa tra i 50 centimetri e un metro e mezzo e che possano essere usati come suppellettili anche dopo le festività. Organizza un’esposizione delle opere e poi la forza commerciale della griffe o del nome del creatore fanno il resto. I ricavi delle vendite servono a sostenere battaglie sociali nel nostro Paese attraverso associazioni umanitarie o di ricerca scientifica e a permettere così di raggiungere ambiziosi traguardi.
Quest’anno l’evento ha come mission la raccolta di fondi per il progetto di realizzazione del Laboratorio di analisi del movimento e robotica pediatrica del Dipartimento di Riabilitazione dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, centro d’eccellenza pediatrica sia a livello nazionale che internazionale.
“Siamo convinti che tutto quello che viene fatto per i bambini – ha detto Cynthia Russo, responsabile fundraising dell’ospedale – significa dare un futuro al futuro. I bambini non hanno colore della pelle, stato sociale, religione che li contraddistingua. I bambini sono bambini in tutte le parti del mondo e, più di chiunque altro, hanno diritto al sorriso”.
I creatori hanno dato sfogo alla loro fantasia e creatività, realizzando alberi con ruche di organza di seta nera come Francesco Scognamiglio, con una cascata di pietre colorate come Bulgari, con piume bianche come quello di Alberta Ferretti, o con mini Fiat 500, come ha fatto Lapo Elkann. Cesare Paciotti ha immaginato il suo abete vestito da tante borsette di perline, mentre Ennio Capasa di Costume National ha realizzato un vero microabito a cono rovesciato, in perfetto stile C’N’C’. L’albero di Agatha Ruiz de la Prada non può che rimandare, nelle forme e nei colori, alle sue collezioni di abiti: scintillante, completo di decorazioni e realizzato in velluto e lurex, con tre manti sovrapposti, tenuti in forma da tre anelli rigidi. Carlo Pignatelli, invece, ha realizzato una preziosa creazione in legno dorato tempestata di perle disposte a raggiera che risponde al suo “modo di intendere la bellezza e l’eleganza: un tocco inconfondibile di magia e di preziosità, senza per questo cedere all’ostentazione”, come egli stesso ha voluto definirla. Ermanno Scervino, d’altra parte, ha interpretato l’albero con il suo stile esclusivo realizzando un piccolo capolavoro di couture, contemporaneo ed elegante come i suoi abiti da sera; un pezzo unico realizzato a mano dalle sarte che da sempre danno forma alle idee dello stilista fiorentino.

Per la prima volta ha partecipato anche Gabriele Colangelo, il talento emerso nell’ultima edizione di AltaRoma, mettendo in vendita un top ricoperto di preziosi ricami.
“È un onore potermi esprimere creativamente a sostegno di un’iniziativa tanto generosa – ha detto lo stilista – perciò ho voluto dare il mio piccolo contributo, avvalendomi delle modalità a me più affini per dar forma ad un’interpretazione artistica pura e diretta, nel rispetto del nobile contesto in cui si iscrive”. In esposizione anche le opere di Valeria Marini e della neo-coppia Briatore.
Quest’anno, oltre agli alberi e alla consueta agenda con le foto, saranno messi in vendita anche disegni esclusivi di star italiane e internazionali tra cui Edwige Fenech, Dante Ferretti, Alessandro Preziosi, Huge Jackman, Keanu Reeves, Sophia Loren, Claudia Cardinale, Roberto Bolle, Penelope Cruz, Eleonora Daniele e John Galliano.
Visitare questa particolare esposizione significa entrare in un mondo fiabesco fatto di cristalli, tessuti colorati, materiali preziosi, luci e sfere di rara bellezza e tanto altro che si fondono insieme dando vita ad esemplari unici nel loro genere e assolutamente inimitabili e non solo; permetterà a chi lo desidera, di contribuire fattivamente con una donazione al sostegno di un Ente impegnato da centoquarant’anni a vantaggio dei bambini.
Tra i celebri amici che ad oggi hanno deciso di far parte di questa edizione: AGATHA RUIZ DE LA PRADA, ALBERTA FERRETTI, ALEX ZANARDI, ALLEGRI, ANDRÈ LAUG, ANNA FENDI, ANTICA MURRINA, BALDININI, BLUMARINE, BORBONESE, BORSALINO, CARLO PIGNATELLI, CHIARA BONI, COSTUME NATIONAL, CRAKING ART, DAMIANI, DIADORA, DIEGO DOLCINI, DIRK BIKKEMBERGS, DSQUARED2, ELEONORA E ALBERTO SERMONETA, ELIO FIORUCCI, ENRICO COVERI, ERMANNO SCERVINO, ERNESTO ESPOSITO, ETRO, ETTORE MOCCHETTI, FAUSTO SARLI, FRANCESCO BRUSCIA, FRANCESCO SCOGNAMIGLIO, FRANKIE MORELLO, FRED MELLO, GABRIELE COLANGELO, GAI MATTIOLO, GATTINONI, GIANFRANCO FERRÈ, GIAMBATTISTA VALLI, GIAMPAOLO GIANNOTI, GIUSEPPE PATANÈ, GIUSEPPE ZANOTTI, GRIMALDI GIARDINA, GUCCI, HOGAN, HUSKY, I PINCO PALLINO, JOHN RICHMOND, L’AURA E ALESSANDRO TRENTIN, LA MER – ESTÉE LAUDER, LA PERLA, KIKKA&KITTEN, LORENZO RIVA, LUIGI SCIALANGA, MAMA DESIGNLAB, MANUEL BOZZI, MARELLA FERRERA, MARIO CEROLI, MARTA MARZOTTO, MASSIMO REBECCHI, MAX & CO., MISS SIXTY, MISSONI, MOSCHINO, PAOLO FERRARI, PAUL SMITH, PIERO FIGURA, RENATO BALESTRA, RENAULT SCUDERIA F1, RENÈ CAOVILLA, ROBERTO CAVALLI, ROCCOBAROCCO, SALVATORE FERRAGAMO, SARTORIA TIRELLI, SAVE THE QUEEN, SEDUZIONI DIAMONDS BY VALERIA MARINI, STAR CHIC BY SIMONA VENTURA, TOD’S, VALENTINO e WOLFORD.
Ad ospitare l’appuntamento, dal 10 al 15 dicembre, il Palazzo della Cancelleria di Roma, il primo palazzo della capitale ad essere costruito ex-novo in stile rinascimentale. Durante i cinque giorni, gli alberi rimarranno in esposizione con ingresso gratuito e sarà possibile acquistarli o, semplicemente ammirarli, per godere di uno spettacolo unico fatto di opere esclusive che reinterpretano in maniera assolutamente originale il simbolico albero di Natale.
 

One Response to Il Natale dei Cento Alberi d’Autore. Quando la moda ha un obiettivo umanitario

  1. Anonymous says:

    Gianmarco Chieregato, noto fotografo di personaggi dello spettacolo, ha dato il suo contributo costruendo un albero di Natale con 500 fotografie del suo archivio professionale, integrate dalle classiche luminarie, realizzando una spettacolare gigantografia alta complessivamente 150 cm.foto:http://www.artonweb.it/fotografia/articolo32.html