La Cassazione annulla allo stilista la condanna avuta a Firenze.

Annullata, con rinvio, la condanna a un anno di reclusione per presunta evasione fiscale nei confronti dello stilista Roberto Cavalli. Lo ha deciso la terza sezione penale della Corte di Cassazione, all’esito dell’udienza del 26 novembre 2008, dopo lunga camera di consiglio, accogliendo dei ricorsi proposti dagli Avvocati Caterina Malavenda e Alessandro Traversi, difensori di Roberto Cavalli, che ha accolto il ricorso contro una sentenza della Corte di Appello di Firenze del 21 gennaio 2008.
Il designer era accusato di aver detratto dalle dichiarazioni dei redditi costi non inerenti all’attivita’ d’impresa tra cui spese relative a interventi di ristrutturazione della sua villa sui colli fiorentini.

 

Comments are closed.