Dopo il successo ottenuto con l’introduzione dell’abbigliamento nel settore del travel retail, lo stilista piacentino è pronto per l’apertura della prima boutique Giorgio Armani.

Con l’apertura di 22 nuovi punti vendita Emporio Armani negli ultimi quattro anni, è continuata la strategia di espansione nel settore del travel retail, supportata da forti partnership con i retailer leader oltre che da una significativa presenza nei più importanti aeroporti del mondo.Come previsto dalla strategia del gruppo Armani, azienda di punta nel settore del lusso mondiale con 5000 dipendenti e 13 stabilimenti di produzione, nel 2008 ha inaugurato un negozio di 90 metri quadrati in una location di primo livello a Seoul in Korea presso l’aeroporto Internazionale di Incheon. Le aperture sono proseguite, in luglio, con uno spazio di 200 metri quadrati nella DFS Galleria del Four Seasons di Macao; in agosto, un Emporio Armani di 140 metri quadrati è sbarcato a Honululu, nella DFS Galleria di Waikiki e, in settembre, a Hong Kong con uno store di 120 metri quadrati nella DFS Galleria di Chinachem. All’inizio di ottobre, è stata la volta di Dubai, nel Dubai International Airport T3.
“Sono davvero orgoglioso – ha dichiarato Giorgio Armani – di aver introdotto con successo l’abbigliamento oltre agli accessori nel settore del travel retail. Un’iniziativa innovativa se si considera che è un mercato caratterizzato principalmente dall’offerta di accessori. Gli ottimi risultati ottenuti ci hanno portato quindi ad intraprendere una nuova sfida: l’apertura della prima boutique Giorgio Armani nel travel retail, prevista all’interno dell’aeroporto internazionale di Hong Kong nel 2009”.
Altri due shop in shop saranno presenti prima della fine del 2008 all’aeroporto di Manchester e in quello di Punta De L’Este.
È previsto, infine, per il secondo semestre del 2009 un nuovo Emporio Armani all’interno dell’aeroporto di Sidney.

 

One Response to L’espansione di Armani sul mercato del travel retail

  1. Anonymous says:

    Ciao, secondo voi perchè Armani ha deciso di investire in alberghi, e perchè ha iniziato da Dubai?non può essere rischioso per l’identità del brand?claudia.gir@libero.it